CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Perché il crypto non basta alla Russia per aggirare l’esclusione da Swift

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Bitcoin, Ether e le altre criptovalute hanno goduto di una certa ripresa ultimamente, grazie alla guerra di Vladimir Putin contro l’Ucraina.

Da quando le banche russe sanzionate hanno perso l’accesso allo Swift, ovvero il sistema di messaggistica che connette migliaia di istituzioni finanziare di tutto il mondo per i trasferimenti di denaro, gli investitori ipotizzano che Mosca, per continuare a portare avanti i propri affari, possa rivolgersi a quelle stesse tecnologie Dlt che stanno alla base delle criptovalute.

Come può confermare il fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, i russi sono già esperti di criptovalute e il Paese è al 18° posto nel mondo in termini di adozione complessiva di questo tipo di moneta. Inoltre, lo scopo stesso della finanza decentralizzata è evitare che i ‘guardiani’ come i governi possano esercitare unilateralmente il controllo. Quando è necessario apportare modifiche al protocollo blockchain utilizzato per registrare le transazioni, la comunità decide collettivamente.

Sia Elizabeth Warren, membro della commissione bancaria del Senato, sia il vice primo ministro ucraino, Mykhailo Fedorov, hanno avvertito negli ultimi due giorni del rischio che le sanzioni vengano bypassate. “Chiedo a tutti i principali exchange di criptovalute di bloccare gli indirizzi degli utenti russi”, ha scritto su Twitter, ottenendo però in cambio una risposta negativa da parte della piattaforma Binance e Kraken.

Mentre gli oligarchi potrebbero essere in grado di riporre rapidamente la loro ricchezza in un portafoglio digitale, gli esperti affermano che questa non è una soluzione per le imprese russe in generale. La teoria di operare di fronte alle sanzioni passando alle criptovalute incontra dei limiti quando viene confrontata con la realtà. Le dimensioni possono in effetti essere uno svantaggio poiché le grandi multinazionali che generano miliardi di entrate non sarebbero in grado di effettuare il passaggio in modo efficiente.

Una cosa è convertire i propri risparmi da rubli in Bitcoin per una singola persona; tentare di far funzionare un’intera economia è una questione completamente diversa. “Semplicemente non c’è abbastanza cripto liquidità globale per supportare le esigenze della Russia”, ha scritto Asheesh Birla, vicepresidente senior del prodotto per Ripple, la terza valuta digitale più grande del mondo.

La rete di Swift, d’altra parte, collega più di 11.000 istituzioni e 4 miliardi di conti in 200 paesi in tutto il mondo con l’obiettivo di consentire transazioni istantanee e senza intoppi. Ogni giorno elabora in media 42 milioni di messaggi finanziari che facilitano i trasferimenti di denaro, con un traffico in aumento dell’11% lo scorso anno. Questo tipo di scala ed efficienza non può essere replicata, nemmeno con l’odierna tecnologia finanziaria decentralizzata.

Birla stima che la Russia effettui quasi 50 miliardi di dollari di transazioni in valuta estera ogni giorno, più o meno pari all’intero valore di tutte le transazioni di Bitcoin nel mondo anche quando i volumi raggiungono i livelli massimi.

Dal momento che tutti questi movimenti lasciano impronte di dati, non sarebbero adatti nemmeno per sfuggire ai regimi sanzionatori. Uno dei motivi principali per cui una grande rapina di Bitcoin nel 2016 ha portato a due recenti arresti da prima pagina è stata l’incapacità dei sospettati di riciclare facilmente il denaro rubato e nasconderne l’origine.

Caroline Malcolm, responsabile della politica internazionale presso la società di ricerca Chainalysis, ha detto a CoinDesk che la sua azienda può segnalare pagamenti sospetti, avvisando immediatamente i governi o i clienti del settore in modo che possano prendere contromisure.

Questo non vuol dire che il governo degli Stati Uniti prenda la questione alla leggera. Funzionari del Tesoro lo scorso ottobre hanno affermato che l’approccio che sta sotto alle sanzioni va adattato all’emergere di nuovi attori come i criminali informatici e all’aumento in generale della complessità dei mercati finanziari.

“Innovazioni tecnologiche come valute digitali, piattaforme di pagamento alternative e nuovi modi di nascondere le transazioni transfrontaliere riducono potenzialmente l’efficacia delle sanzioni americane”, è scritto in report annuale. “Queste tecnologie offrono a pericolosi attori l’opportunità di detenere e trasferire fondi al di fuori del tradizionale sistema finanziario basato sul dollaro”.

Un altro problema sono gli elevati costi di transazione, noti come ‘gas fee’ sulla blockchain di Ethereum. L’infrastruttura non è ancora in grado di gestire il tipo di attività di cui un intero Paese avrebbe bisogno, il che potrebbe portare a un aumento dei costi poiché la domanda di elaborazione supera la potenza computazionale.

Daniel Webber, amministratore delegato di FXC Intelligence, una società di dati finanziari specializzata in pagamenti internazionali, sostiene che nuove blockchain come Solana stanno sviluppando modalità per gestire volumi più elevati, scalare in modo efficiente e ridurre i costi di transazione. Ma ci vorrà del tempo prima che il sistema finanziario russo e la sua industria siano, sia dal punto di vista dei costi che della tecnologia, disposti e in grado di passare alle criptovalute.

“Più dureranno le sanzioni Swift e più banche coinvolgono, maggiore sarà la domanda per superare alcune delle attuali limitazioni per criptovalute e blockchain”, ha detto Weber a Fortune.

Quindi, mentre alcune piccole imprese e lavoratori autonomi potrebbero avere modo di continuare a operare, ci sono scarse prove che ciò sarebbe possibile sulla scala di cui la Russia ha bisogno in tempi brevi.  Anche se un giorno ciò potrebbe cambiare.

L’articolo originale è su Fortune.com

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.