WBF

Uniqlo difende la sua decisione di restare in Russia

Aboca banner articolo

Fast Retailing, il più grande rivenditore asiatico e capogruppo di Uniqlo, continuerà a operare in Russia anche se la pressione internazionale per isolare il Paese a seguito dell’invasione dell’Ucraina ha già spinto moltissime aziende a chiudere le attività in quei territori.

“L’abbigliamento è una necessità della vita. Il popolo russo ha lo stesso diritto di vivere che abbiamo noi”, ha affermato l’amministratore delegato Tadashi Yanai, in una serie di osservazioni via e-mail che sono state pubblicate per la prima volta da Nikkei. Sebbene sia contrario alla guerra e abbia esortato tutti i Paesi a opporsi, tutti i 50 negozi Uniqlo continueranno a operare in Russia.

Le sue osservazioni contrastano con le mosse di alcuni dei più grandi marchi mondiali che hanno deciso di ritirarsi o sospendere le operazioni in Russia, una drammatica inversione di tendenza di tre decenni di investimenti da parte di imprese occidentali e di altre imprese straniere dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991.

Yanai si dice dubbioso rispetto alla tendenza che spinge le aziende a fare scelte politiche. Nell’aprile dello scorso anno, aveva rifiutato di commentare le questioni relative alle modalità di approvvigionamento di cotone dalla regione cinese dello Xinjiang, un mese prima che si scoprisse che gli Stati Uniti avevano bloccato una spedizione di magliette Uniqlo per sospetta violazione dei diritti umani. L’azienda deve anche affrontare un’indagine francese insieme a numerosi altri marchi di moda. La Nike e altri brand si sono impegnati a non utilizzare affatto cotone dello Xinjiang, un passo che Fast Retailing non ha ancora compiuto, anche se l’azienda insiste sul fatto che non c’è lavoro forzato nella sua supply chain.

L’invasione russa dell’Ucraina ha suscitato condanne internazionali, ha innescato restrizioni commerciali e sanzioni finanziarie e ha stimolato un esodo di aziende di tutto il mondo. La più grande rivale di Fast Retailing, Inditex, ha chiuso temporaneamente i suoi 502 negozi in Russia e ha sospeso le vendite online. Anche Apple e Nike hanno chiuso i negozi, mentre le case automobilistiche tra cui BMW e General Motors hanno sospeso le consegne di veicoli.
Il governo giapponese ha seguito la linea degli Stati Uniti e di gran parte dell’Europa nell’imporre una serie di sanzioni, incluso il congelamento dei beni di un certo numero di funzionari e oligarchi russi, nonché di quelli di istituzioni finanziarie, inclusa la banca centrale russa.

Al momento, le società giapponesi sono divise. Le più grandi case automobilistiche del Paese, Toyota e Honda, hanno dichiarato che stanno interrompendo le spedizioni di veicoli in Russia, mentre una lobby d’affari ha avvertito Mitsubishi e Mitsui che è meglio non affrettarsi a uscire da un progetto russo relativo a petrolio e gas. Japan Tobacco, che detiene una quota del 37% del mercato russo, continua a operare in Russia e afferma di essere “pienamente impegnata” a rispettare le sanzioni nazionali e internazionali.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.