POSTE header

Real estate e metaverso, viaggio a Decentraland

decentraland creative commons
Teva banner articolo
Aboca banner articolo

È uno dei regni del real estate virtuale. Non si tratta solo di vendere terreni nel metaverso, ma di creare una community. In cui lo scambio, di monete e non solo, è il segreto dell’engagement. La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di aprile 2022.

Un gioco virtuale, ma anche una community dove il coinvolgimento degli utenti è tutto. Un metaverso 3D che si anima intorno agli scambi di moneta e non solo. Soprattutto – è la sua peculiarità – uno dei primissimi videogame che si basano sulla compravendita di terreni digitali. Si chiama Decentraland, è uno dei regni del virtual real estate, il mercato immobiliare costruito sulla blockchain. Un investimento, un’opportunità di guadagno, un microcosmo in fase embrionale capace di raccogliere decine di milioni di euro/dollari di capitali. Per molti trader anche una possibile bolla che può scoppiare da un momento all’altro.

Sulla piattaforma di Decentraland si gestiscono proprietà di terreni (chiamati Parcel, ce ne sono oltre 90mila) di circa 16 chilometri quadrati. Le transazioni avvengono attraverso il Mana, token quotato sul mercato delle valute digitali tramite initial coin offering (noto come ICO).

Su Decentraland si acquistano anche oggetti virtuali a cui corrispondono i Non fungible token (Nft), supportati interamente dalla blockchain Ethereum, una sorta di registro pubblico sul quale – via criptovalute – sono autenticate le transazioni digitali. All’interno degli appezzamenti di terreno acquistati, l’utente costruisce degli oggetti unici, ogni utente crea il suo avatar che esercita diverse attività, tra cui la compravendita di Nft indossabili. Dai palazzi ai musei, poi negozi, piazze, aree di discussione o di presentazione di un evento: negli spazi acquisiti dai clienti si può fare praticamente tutto.

decentraland real estate
Screenshot del ‘Land market’ di Decentraland

L’engagement

Secondo il sito LunarCrash – dati di fine gennaio – Mana è al primo posto tra le criptomonete in base al social media engagement. Un elemento che porta a pensare che il tempo medio di permanenza degli utenti su Decentraland sia cospicuo, guadagnandoci dalla sola presenza sulla piattaforma. Come Facebook parla all’utente come un amico premuroso o Netflix o YouTube mandano l’episodio successivo di una serie in automatico, prima ancora che si decida di vederla, Decentraland invoglia alla presenza perché con i Mana si comprano terreni e oggetti. Insomma, i Mana si scambiano. “La moneta di Decentraland è molto scambiata tra gli utenti e più hai utenti, più hai attività, più c’è un mercato. La community è la forza di Decentraland”, spiega la blockchain expert Nadia Fabrizio. Una teoria che si sposa con l’obiettivo della dirigenza di Decentraland, ovvero la costruzione di diventare una piattaforma social di nuova generazione.

Come funziona Decentraland

Il funzionamento di Decentraland si basa sui contratti smart (o contratti intelligenti), ovvero un contratto digitale che indica requisiti specifici che devono essere obbligatoriamente soddisfatti prima che la transazione possa essere elaborata. Il vantaggio principale è che per stipularli non servono terze parti. Uno smart contract viene poi registrato sulla blockchain, quindi è verificabile da chiunque. Su Decentraland tutte le modifiche sulla blockchain sono apportate dalla Organizzazione autonoma decentralizzata (Dao), un sistema di governance gestita dalla community della piattaforma. La quotazione dei Mana varia e così anche il valore degli appezzamenti di terreno: come avviene nel mercato immobiliare, dipende da alcuni fattori, tipo dove è posizionato il lotto. La quotazione massima raggiunta da 1 Mana è 5,79 dollari, ora viaggia intorno ai 2,80. Per acquistare Mana, condizione indispensabile per l’investimento su Decentraland, si utilizzano le diverse piattaforme di trading online e il broker che è maggiormente utilizzato è eToro. Per fare trading su Decentraland con eToro è richiesto un deposito minimo di 50 euro.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di aprile 2022. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.