CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Grandi dimissioni, il 30% dei candidati vuole essere freelance

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Rinunciare al posto fisso e a uno stipendio sicuro a fine mese per diventare liberi professionisti. Fino a qualche anno fa sarebbe stata giudicata come una scelta assurda, oggi è realtà. Spinti dalla necessità di una maggiore stabilità economica, serenità e benessere, oggi, nel pieno delle Grandi dimissioni, le persone desiderano sempre di più un futuro da lavoratore autonomo.

Addirittura, secondo i danti forniti da Oliver James, società internazionale di recruiting, il 30% dei candidati ai colloqui con i recruiter in ambito tecnologico e digitale si mostrano scettici di fronte al posto fisso, chiedendo invece informazioni rispetto all’eventuale possibilità di avere un’offerta di lavoro a contratto. Inoltre, sempre in sede di colloquio con gli head-hunter, il 75% dei candidati si informa su come diventare lavoratore autonomo.

“Sempre più professionisti rifiutano l’assunzione per fare i contractor. Su tutti developers, architetti del software, esperti di cybersecurity, data scientist, data engineers e professionisti It in generale”, così Pietro Novelli, Country manager Italia di Oliver James.

I motivi? Migliore gestione del proprio tempo, più autonomia, anche operativa, la ricerca del work life balance e la possibilità di poter lavorare anche da remoto. Ma anche la volontà di trovare un lavoro più soddisfacente dal punto di vista economico e personale. Sono queste le motivazioni che – alla base del boom di dimissioni, la cosiddetta ‘Great resignationsi riflettono anche sulla volontà da parte di sempre più professionisti di trasformarsi in consulenti a contratto.

Cinquecentomila le lettere di dimissioni, il 60% delle aziende del Paese coinvolte. Soprattutto nelle regioni del nord Italia. Questi i dati forniti dal Ministero del Lavoro, aggiornati al secondo trimestre del 2021.

La maggior parte dei dimissionari negli Usa ha un’età compresa tra i 26 e i 35 anni (il 70% nella seconda metà del 2021), seguiti dalla fascia 36-45. In Italia, invece, a licenziarsi sono sopratutto gli over 50. Le categorie maggiormente interessate sono quelle dei lavoratori del secondo e terzo settore: impiegati, commessioperai specializzati e generici.

L’aumento di dimissioni registrato nel nostro Paese tra aprile e giugno dello scorso anno è stato del 37% rispetto al primo trimestre e addirittura dell’85% rispetto allo stesso periodo del 2020. In soli tre mesi 290mila uomini e 190mila donne hanno lasciato il proprio lavoro per motivi diversi.

“È uno scenario che non potevamo neanche immaginare fino a qualche anno fa e che oggi ci fa immaginare che siamo di fronte non solo ad un fenomeno di grandi dimissioni, ma un modo totalmente diverso di intendere il lavoro” spiegano i recruiter di Oliver James.

“Secondo le nostre stime, oggi 3 candidati su 10 che contattiamo per posizioni di lavoro aperte, approcciano il colloquio dichiarando di essere disposti di accettare il posto solo da freelance. E il dato diventa ancora più rilevante, toccando il 75%, se andiamo ad analizzare gli ‘indecisi’, ovvero coloro che in sede di colloquio o di screening si informano rispetto alle possibilità di un impiego a contratto” commenta Pietro Novelli.

Conosciamo i problemi di retention e attraction che la Great resignation sta sollevando in tutto il mondo, ma quello relativo al boom dei rapporti di lavoro a contratto è un fenomeno derivato e ulteriore, che assume ancora più rilevanza se lo osserviamo dal punto di vista delle organizzazioni, oltre che da quello dei professionisti: per accogliere dei consulenti a contratto nei propri team, infatti, le aziende devono cambiare le strutture gerarchiche, lo stile di management, la comunicazione interna e i piani di incentivazione – osserva Novelli, che conclude – Sono dei cambiamenti che si riflettono anche sulla figura di noi recruiter: se un tempo il nostro lavoro ‘si limitava’ al reclutamento di personale, adesso agiamo da consulenti a 360° per l’organizzazione, estendendo, ad esempio, i nostri programmi di recruiting con piani di formazione specializzata. E anche gli stessi processi di selezione, dalla prima intervista in poi, si stanno innovando in ottica di employee experience.”

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.