CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

I timori di Bezos: la Cina influenzerà il Twitter di Musk?

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Twitter è vietato in Cina, ma ciò non impedisce al governo cinese di fare buon uso dell’app per la sua propaganda.

E ora che la piattaforma dei social media viene acquistata dall’uomo più ricco del mondo, il Ceo di Tesla Elon Musk, il governo cinese potrebbe aver guadagnato una certa influenza sul futuro del servizio.

Jeff Bezos, il secondo uomo più ricco del mondo, dietro a Musk, e proprietario del Washington Post e del rivale di SpaceX, BlueOrigin, è apparentemente preoccupato per la capacità della Cina di influenzare il futuro proprietario di Twitter.

La Cina è il secondo mercato di vendita più grande di Tesla e un motore chiave per la sua crescita. La Shanghai Gigafactory di Tesla, aperta nel 2019, è stato il primo sito di produzione dell’azienda l di fuori degli Stati Uniti. Lo stabilimento, che produce autovetture sia per il mercato cinese che per quello europeo, sebbene la Gigafactory di Berlino stia ora ingranando in Europa, è il più produttivo della Tesla.

Il governo cinese ha steso il tappeto rosso a Tesla per portarla a Shanghai, fornendo prestiti sovvenzioni per avviare la costruzione. Tesla, inoltre, è stata la prima casa automobilistica straniera autorizzata a gestire una fabbrica interamente controllata in Cina dopo che il governo ha rinunciato a una regola che normalmente richiede alle case automobilistiche straniere di collaborare con un partner nazionale. Ma la storia d’amore del governo con Tesla si è inasprita intorno ad aprile dello scorso anno, dopo che alcuni proprietari di auto hanno protestato contro le politiche sulla privacy dei dati dell’azienda produttrice di veicoli elettrici.

All’inizio del 2021, il proprietario cinese di una Tesla ha chiesto l’accesso ai dati relativi a un incidente che, secondo il conducente, sarebbe stato causato da un guasto ai freni della macchina.

Tesla ha rifiutato di condividere i dati, fino a quando i media statali non hanno criticato la società definendola “arrogante” e il governo ha chiamato i dirigenti cinesi di Tesla in una riunione a porte chiuse. Tesla ha modificato i suoi servizi di privacy dei dati in seguito.

Poco dopo la pubblicazione del suo stesso tweet, Bezos si è rimangiato la tesi che il legame di Tesla con la Cina potrebbe portare Musk a implementare una censura favorevole al governo di Xi Jinping su Twitter.

Ma la censura non è il vero problema. Con Musk che presto avrà il controllo, la Cina potrebbe piuttosto trarre un vantaggio da una relativa mancanza di censura.

Nell’agosto 2020, Twitter ha avviato una politica di etichettatura degli account affiliati a entità statali. La mossa sembrava essere una risposta diretta al crescente utilizzo della piattaforma da parte del governo cinese per promuoversi all’estero.

I media statali cinesi hanno utilizzato annunci a pagamento su Twitter per promuovere articoli che si opponevano alle proteste di Hong Kong nel 2019, spingendo Twitter a vietare ai media affiliati allo Stato di acquistare annunci. Twitter ha pubblicato due post sul blog che spiegano la sua decisione di etichettare gli account dei media statali, uno dei quali include un prefisso che richiama specificamente la Cina.

“La Cina blocca l’accesso a Twitter per gli utenti regolari. Riteniamo che le persone traggano vantaggio da un’informazione aggiuntiva quando interagiscono con il governo cinese e gli account affiliati allo Stato”, si legge nella dichiarazione .

Quando è stata progettata, la politica di etichettatura di Twitter per limitare la portata degli sforzi di propaganda della Cina sembrava funzionare. Nel 2021, una ricerca di China Media Project ha mostrato che i tweet dei media statali cinesi hanno subito un calo del 20% nel coinvolgimento degli utenti dopo che Twitter ha implementato la sua politica.

Se Musk, che ha promesso di fare di Twitter un baluardo della libertà di parola, annullasse queste politiche, potrebbe spianare la strada alla macchina della propaganda cinese.

L’articolo originale è su Fortune.com.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.