WBF

Unicredit, un sostegno per l’industria cinematografica

Aboca banner articolo

Sono state presentate a Venezia, nell’ambito degli eventi collaterali della Mostra del cinema di Venezia, le iniziative di sostegno di Unicredit alla filiera audiovisiva italiana. Le circa 3 mila aziende dell’industria creativa italiana generano un giro d’affari di circa 4 miliardi di euro (un comparto trainato dalla crescente richiesta di contenuti da parte delle piattaforme streaming). Questo comparto può ora contare sul rinnovato impegno della Banca di Piazza Gae Aulenti che, nei giorni scorsi, ha rilanciato il proprio supporto alle imprese del settore cinematografico e audiovisivo italiano con il progetto “One4Cinema”.

Dopo gli interventi introduttivi di Giampaolo Letta, vicepresidente e amministratore delegato di Medusa Film (e Presidente dell’Advisory Board Centro di UniCredit) e di Roberto Fiorini, Regional Manager Centro di UniCredit Italia, sono state presentate le nuove soluzioni che prevedono il sostegno agli investimenti delle aziende del comparto, con finanziamenti dedicati e linee di credito specifiche, al fine di sostenere le nuove produzioni in Italia e stimolare l’innovazione tecnologica e l’apertura o ristrutturazione di sale cinematografiche nel Paese.

L’industria cinematografica, con le sue maestranze, è stata riconosciuta e certificata come un’eccellenza del Made in Italy, in grado di coniugare la capacità di narrazione dell’immenso patrimonio artistico e culturale del nostro Paese con buoni fondamentali economici: le circa 3 mila aziende dell’industria creativa italiana generano infatti un giro d’affari di quasi 4 miliardi di euro, con ottimi risultati in termini di rendimento: Ebitda medio tra i 20% per le piccole imprese e il 30-40% per quelle di maggiori dimensioni.

Durante il convegno è emerso come, nella difficile congiuntura attuale il business cinematografico e audiovisivo mondiale abbia evidenziato un forte carattere anticiclico, registrando una crescita costante dei ricavi grazie allo sviluppo del mercato dello streaming. Un segmento che oggi, a livello globale, genera circa i 2/3 del valore complessivo dell’intrattenimento.

Ha dichiarato Annalisa Areni, responsabile UniCredit Client Strategies: “Come UniCredit crediamo nel grande potenziale di sviluppo e innovazione dell’industria audiovisiva Made in Italy. Le opportunità per questo settore sono molte: penso per esempio al digitale, già oggi principale canale di fruizione e di monetizzazione dei contenuti audiovisivi con il 77% del giro d’affari del mercato globale. UniCredit vuole essere un partner strategico per le aziende del comparto e promuovere la crescita dell’industria culturale e creativa italiana, fornendo consulenza e soluzioni vantaggiose per aiutare le imprese della filiera ad affrontare un mercato in via di ridefinizione”.

Il programma One4Cinema è un piano predisposto per supportare tutti i segmenti della filiera audiovisiva (dalla produzione alle industrie tecniche, dalla distribuzione alle sale) e che, oltre al sostegno agli investimenti con finanziamenti dedicati, prevede anche un proprio Expertise Center, con sede a Roma, capace di fornire una gamma di soluzioni finanziarie e servizi di consulenza, specializzati e innovativi.

“Lo sviluppo delle nostre industrie poggia sull’intraprendenza dei leader della filiera cine-audiovisiva e digitale, su un solido e costante sistema di regolazione e sostegno, e sulla certezza che può derivare da un crescente impegno delle maggiori realtà bancarie. Unicredit sta dimostrando di comprendere questa fase trasformativa, e di voler puntare sulla crescita della filiera”, ha dichiarato Francesco Rutelli, presidente Anica. Con One4Cinema, UniCredit intende ampliare il proprio sostegno al comparto che ha già portato la Banca a finanziare il settore negli ultimi 2 anni con oltre 200 milioni di euro di finanziamenti (medio-lungo termine, linee a breve, ecc..) al netto del Tax Credit. Inoltre UniCredit ha aiutato le imprese ad attivare nuovi canali di funding, accompagnandoli in operazioni sul mercato dei capitali, quali i Basket Bond di filiera (Basket Bond Cultura di Iervolino and Lady Bacardi Entertainment S.p.A., Lucky Red, Leone Film Group, Minerva Pictures Group) e promuovendo iniziative volte alla formazione dei profili più richiesti dal mercato audiovisivo, incoraggiando anche percorsi di educazione finanziaria in partnership con Anica Academy.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.