Perdite Nord Stream, i sospetti sul sabotaggio

Teva banner articolo
Aboca banner articolo

I funzionari tedeschi ritengono che i danni senza precedenti agli oleodotti russi Nord Stream 1 e 2 nel Mar Baltico potrebbero essere opera di sabotaggio.

Il quotidiano nazionale Tagesspiegel ha riferito che fonti governative sospettano che le perdite che hanno allontanato le navi dalle aree colpite potrebbero essere state inflitte deliberatamente, anche se ci vorranno giorni (se non settimane) prima che i subacquei possano verificarlo.

 

Il sospetto è che il danno possa essere stato parte di un’operazione russa per destabilizzare i mercati e far salire i prezzi del gas.

Un’altra teoria suggerisce invece che sia stata condotta da agenti collegati all’Ucraina che hanno cercato di mettere fuori uso i due gasdotti e costringere il gas a scorrere attraverso il territorio polacco e ucraino verso paesi europei ‘amici’ della Russia come la Serbia.

Le tre perdite sono state scoperte nelle acque territoriali svedesi e danesi, di cui una si trova vicino all’isola di Bornholm. Questa è anche l’area in cui corre una nuova linea di transito del gas, sostenuta dall’Ue, chiamata Baltic Pipe, che entrerà in funzione parziale alla fine questa settimana.

“È impossibile non pensare che si tratti di un attacco pianificato”, ha riferito una fonte di governo. “Non può essere una coincidenza”.

L’autorità marittima svedese ha emesso un avviso su due perdite nel gasdotto Nord Stream 1, poco dopo che una perdita nel vicino gasdotto Nord Stream 2 fosse scoperta dalle autorità danesi, spingendo i funzionari a limitare le spedizioni marittime in un raggio di cinque miglia nautiche.

Le navi possono perdere la capacità di galleggiamento se entrano nell’area e il gas potrebbe anche incendiarsi.

“C’è il rischio di un’esplosione molto grande qualora il gas entrasse in contatto con una scintilla. Inoltre è velenoso per l’uomo e per gli animali”, ha affermato Simon Pedersen, docente all’Università di Aalborg.

Il ministero dell’Interno tedesco non ha fornito immediatamente commenti. La Russia aveva già interrotto completamente le spedizioni di gas attraverso il Nord Stream 1, mentre il Nord Stream 2, nonostante fosse pieno di gas, non è mai stato messo in funzione.

Prima di interrompere tutte le spedizioni attraverso il Nord Stream 1, il gruppo energetico statale russo Gazprom aveva ridotto la quantità di gas che stava inviando alla Germania a circa il 20% della capacità annuale del gasdotto di 55 miliardi di metri cubi (bcm), “a causa di lavori di manutenzione”.

All’inizio di settembre, ha cessato tutte le ulteriori forniture per quello che ha affermato essere “un guasto meccanico”.

Mosca si è offerta di convogliare gas attraverso il Nord Stream 2, che la Germania aveva messo fuori servizio prima che potesse essere messo in funzione a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin.

 

“È un fenomeno estremamente raro”

La notizia delle perdite al gasdotto “è stata molto inquietante”, ha riferito Dmitry Peskov, portavoce di Putin.

“Questa è una situazione completamente senza precedenti che richiede un’indagine urgente”, ha dichiarato all’agenzia di stampa statale TASS.

Secondo i media danesi, aerei militari domestici hanno avvistato gas gorgogliare sulla superficie dell’acqua dopo che la pressione nel gasdotto Nord Stream 2 è scesa a 7 bar da 105 in precedenza.

Il capo dell’agenzia danese per l’energia, Kristoffer Bottzauw, ha affermato che “le violazioni dei gasdotti sono piuttosto rare”.

Un portavoce dell’operatore del Nord Stream 1, i cui gasdotti gemelli sono stati entrambi colpiti, ha detto a Fortune che la società non poteva commentare il motivo della fuga, ma avrebbe fornito ulteriori informazioni non appena fosse stata in grado di verificarne la causa.

Solo la settimana scorsa, Baltic Pipe ha celebrato la sua inaugurazione ufficiale a Goleniów, in Polonia. Si prevede di trasportare fino a 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno dalla Norvegia alla Polonia tagliando il territorio danese sia a terra che offshore.

Il commissario europeo per l’Energia Kadri Simson ha affermato in una dichiarazione che la linea di transito del gas è un “progetto chiave per la sicurezza dell’approvvigionamento nella regione” che giocherebbe un “ruolo prezioso nel mitigare l’attuale crisi energetica”.

In un briefing con i giornalisti, la Commissione europea ha confermato che sono state scoperte tre fughe, ma che è anche troppo presto per sospettare un sabotaggio.

“Non è davvero il momento di speculare su quali potrebbero essere le potenziali cause e su eventuali coincidenze che potrebbero esserci o meno”, ha detto un portavoce.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.