Twitter vs Apple, la tregua di Elon Musk: Risolto il malinteso

Aboca banner articolo
Aboca banner articolo

Continua la saga “scontro tra titani della tecnologia”, con protagonisti il miliardario di Tesla Elon Musk e il Ceo di Apple Tim Cook. Musk ha dichiarato di aver incontrato Cook questo mercoledì: aggiungendo così un altro capitolo a una settimana già strana e controversa di questa storia.

“Grazie @tim_cook per avermi portato in giro per il bellissimo quartier generale di Apple”, ha scritto Musk in un tweet, includendo un video di un grande stagno, con due ombre in primo piano. Poche ore dopo è arrivato un altro tweet: “Bella conversazione. Tra le altre cose, abbiamo risolto il malinteso sulla potenziale rimozione di Twitter dall’App Store. Tim è stato chiaro sul fatto che Apple non ha mai considerato di farlo”.

I due tweet pacifici hanno così posto fine alle parole più aggressive con cui Musk si è ripetutamente riferito ad Apple questa settimana, e a volte a Cook in particolare, reo di aver smesso di fare pubblicità su Twitter. Proprio lunedì, Musk aveva twittato che Apple aveva interrotto la maggior parte della sua pubblicità su Twitter.

Apple è stata la principale inserzionista su Twitter nel primo trimestre di quest’anno, spendendo 48 mln di dollari in pubblicità, secondo il Washington Post. Gli annunci Apple hanno rappresentato il 4% delle entrate di Twitter in quel trimestre. “Odiano la libertà di parola in America?” aveva commentato Musk, aggiungendo: “Cosa sta succedendo qui @tim_cook?”

Twitter ha perso diversi importanti inserzionisti da quando Musk ha rilevato l’azienda il mese scorso, tra cui Pfizer, Volkswagen e Chipotle. I recenti rapporti della newsletter tecnologica Platformer hanno rivelato che le prenotazioni pubblicitarie settimanali per l’azienda sono diminuite di quasi il 50% e le entrate in Europa, Medio Oriente e Africa sono diminuite del 15%. Ma la pubblicità è solo una parte del problema di Musk con Apple.

Gli inserzionisti e le aziende hanno preso le distanze dal Twitter di Musk da quando ha iniziato a implementare modifiche all’azienda all’inizio di novembre, in gran parte in risposta alla decisione di Musk di tagliare la maggior parte del team di moderazione dei contenuti della piattaforma e il conseguente aumento dell’incitamento all’odio osservato sul sito. Essere espulsi dall’app store sarebbe un duro colpo per la piattaforma dei social media, che sta già attraversando un periodo di estremo tumulto.

Musk ha finora licenziato circa il 50% del personale di Twitter nel tentativo di ridurre i costi, con centinaia di dimissioni nelle ultime settimane. Il nuovo Ceo ha intanto continuato a denunciare la “tassa segreta del 30% su tutto” di Apple (sempre in un tweet) riferendosi alla percentuale di profitti che la società ricava dalle vendite dell’app store.

Il miliardario di Tesla potrebbe anche aver ritardato il rilancio del servizio di abbonamento Twitter Blue della piattaforma in modo che la funzione potesse essere riorganizzata come acquisto in-app ed evitare la commissione di Apple. La commissione che Apple riceve dai download di app è ben nota tra le aziende tecnologiche, con Spotify e il genitore di Facebook Meta che hanno criticato Apple per la tariffa già in passato.

Epic Games, l’editore del popolare videogioco Fortnite, l’anno scorso ha persino portato Apple in tribunale per la commissione incorporata. Il Ceo di Epic, Tim Sweeney, ha criticato il modello di Apple definendolo un “monopolio” e recentemente si è schierato con Musk sulle questioni tra Apple e Twitter.

“Apple è una minaccia per la libertà in tutto il mondo”, ha scritto Sweeney su Twitter. “Mantengono un monopolio illegale sulla distribuzione delle app, lo usano per controllare la libertà di parola americana e stanno mettendo in pericolo i manifestanti in Cina archiviando i dati sensibili dei clienti in un data center di proprietà statale”.

Anche la startup di fatturazione Paddle che ha portato Apple in tribunale lo scorso anno per il suo sistema di pagamento, e il suo Ceo Christian Owens, hanno recentemente riconosciuto in Musk un alleato.

Probabilmente a Musk non basterà un incontro in riva al laghetto al quartier generale di Apple per accettare la quota di download di Apple: ma intanto, Owens e altri amministratori delegati insoddisfatti di Apple, potrebbero presto non trovare in Elon un alleato.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.