Cerca
Close this search box.

Ottobre, aumento record dei premi rc auto

Il mondo delle assicurazioni auto in Italia sta attraversando un periodo di cambiamenti significativi, come evidenziato dall’ultima indagine dell’Ivass. I dati relativi ai contratti sottoscritti nel mese di ottobre 2023 rivelano un notevole salto dei prezzi delle polizze rc auto, con impatti diversificati su base regionale.

Secondo l’Istituto di vigilanza, il prezzo medio dell’assicurazione auto ha raggiunto i 388 euro, registrando un aumento del 7,9% su base annua in termini nominali. Tuttavia, è essenziale considerare anche il dato in termini reali, che mostra un incremento del 6,2%. Questo suggerisce che l’aumento dei premi è superiore all’indicazione nominale, tenendo conto dell’inflazione e della variazione del potere d’acquisto della valuta.

Un aspetto interessante emerge dall’analisi delle differenze regionali nei premi assicurativi. Il differenziale di premio tra Napoli e Aosta è rimasto stabile su base annua, attestandosi a 239 euro. Tuttavia, rispetto alla media nazionale di 388 euro, emergono disparità significative. Il premio effettivo risulta più elevato al Centro, dove si raggiungono i 424 euro, e al Sud, con un premio di 413 euro.

L’Ivass mette in luce alcune pratiche comuni nell’ambito delle polizze rc auto. Le clausole di guida esperta sono ampiamente diffuse, rappresentando il 63,6% dei contratti esaminati. Questo indica una tendenza crescente verso politiche che valutano positivamente l’esperienza di guida degli assicurati. Allo stesso modo, il 27,2% dei contratti prevede clausole di risarcimento in forma specifica, evidenziando un approccio dettagliato alla copertura degli eventi assicurati.

Queste tendenze sollevano importanti questioni sull’equità nella determinazione dei premi e sulle pratiche contrattuali nel settore assicurativo. L’aumento sostanziale dei premi, sebbene variabile su base geografica, pone la necessità di un’ulteriore riflessione su come migliorare l’accessibilità e l’equità nelle polizze rc auto in Italia.

La trasparenza e il dialogo aperto tra le parti coinvolte, inclusi assicuratori, regolatori e consumatori, possono contribuire a un settore assicurativo auto più equo e orientato alle esigenze della popolazione italiana.

“L’incremento delle tariffe delle polizze rc auto comporta una pesante imposizione di ben 910 milioni di euro all’anno per gli automobilisti italiani”. Questa è la dichiarazione del Codacons, che commenta i recenti dati sulle assicurazioni resi noti dall’Ivass.

L’aumento del 7,9% registrato a ottobre, secondo l’associazione, si traduce in un aumento medio di circa 28 euro per polizza rispetto all’anno precedente. Tuttavia, considerando che in Italia ci sono, secondo l’ultimo dato Ivass, 43 milioni di veicoli assicurati, di cui 32,5 milioni di autovetture, l’impatto sull’rc auto per gli automobilisti raggiunge la considerevole cifra di 910 milioni di euro.

Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, sottolinea che questo aumento rappresenta un segnale pericoloso per i consumatori. La necessità per gli automobilisti di assicurare i propri veicoli è obbligatoria, ma le compagnie assicurative, al contrario, non sono vincolate da alcun limite tariffario e possono aumentare le tariffe a loro discrezione. Questo squilibrio preoccupa il Codacons, che vede la situazione come potenzialmente dannosa per i consumatori.

Rienzi sottolinea l’urgenza di un intervento governativo per limitare il potere delle compagnie assicurative e frenare l’escalation dei prezzi delle polizze rc auto. La richiesta di misure tese a proteggere i consumatori e a garantire una maggiore trasparenza nel settore assicurativo è il cuore della richiesta del Codacons.

L’associazione chiede al governo di adottare provvedimenti che possano stabilizzare le tariffe assicurative e mitigare l’onere finanziario imposto agli automobilisti italiani. La tutela del consumatore e l’equità nell’accesso alle polizze rc auto diventano quindi obiettivi prioritari alla luce dei dati preoccupanti svelati dall’Ivass.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.