Industria, produzione ancora in calo a febbraio

A febbraio 2018, la produzione industriale cala dello 0,5% rispetto a gennaio e aumenta del 2,5% (dati corretti per effetto calendario) su febbraio 2017. Lo rileva l’Istat spiegando che nelle media del trimestre dicembre 2017-febbraio 2018 la produzione è salita dell’1,4% rispetto al trimestre precedente, mentre in quelle dei primi due mesi del 2018 è aumentata del 3,4% su gennaio-febbraio 2017. Significativa la variazione congiunturale positiva dell’energia +8,1%, in calo beni di consumo (-2,4%), intermedi (-1,5%), strumentali -1%.

La produzione industriale di febbraio 2018 segna un secondo calo consecutivo su base mensile (a gennaio era -1,8%), cosa che non accadeva dal 2016 (nello specifico, nei mesi di maggio e giugno di quell’anno). Il rialzo del 2,5% su base annua è invece il più basso da aprile 2017 (quando era +1,4%).

In termini tendenziali, gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano, a febbraio 2018 – continua l’Istat – aumenti “apprezzabili” nei raggruppamenti dei beni strumentali (+3,9%) e dei beni di consumo (+2,5%), più contenuto risulta invece l’aumento dell’energia (+1,9%) e dei beni intermedi (+1,2%).

Per quanto riguarda i settori di attività economica, a febbraio 2018 i comparti con maggiore crescita tendenziale sono quelli della produzione di prodotti e preparati farmaceutici (+11,2%), della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+6,6%) e della fabbricazione di macchinari e attrezzature (+5,3%). I cali maggiori riguardano attività estrattiva (-4,9%), fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (-4%) e fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (-2,6%).

A febbraio 2018 in calo anche la produzione italiana di autoveicoli dello 0,1% (nei dati corretti per gli effetti di calendario) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.