8 Marzo 2019

Industria: ultimi 3 mesi i peggiori in sei anni

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Gli ultimi tre mesi sono stati i peggiori in sei anni in termini di produzione industriale. Un record negativo che fa eco alla complicata situazione politico-economica in cui naviga l’Italia. Si è comunque registrata una lieve crescita nel mese di gennaio: +1,7% da dicembre.

Secondo i dati Istat a gennaio si “registra la prima variazione congiunturale positiva dopo quattro mesi di cali continui”. Su base annua “si attenua la caduta” con una flessione dello 0,8% nei dati corretti per gli effetti di calendario. Il miglioramento, sia tendenziale sia congiunturale, è trainato dal settore energia (in espansione del 6,4% sul mese e dell’11,7% sull’anno, anche per “effetto delle temperature più basse rispetto allo scorso anno”).

Rispetto a dicembre crescono anche i beni di consumo (+2,4%), i beni intermedi (+1,0%) e i beni strumentali (+0,3%). Tutte e tre questi comparti diminuiscono invece su base annua (i beni intermedi del 3,3%, i beni di consumo del 2,7%, e i beni strumentali dell’1,7%). I settori di attività economica che registrano le variazioni tendenziali positive più rilevanti, secondo i dati Istat, sono la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+14,8%), la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+4,4%) e la fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+2,2%). Le diminuzioni maggiori si registrano nella produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (-10,5%), nella metallurgia e prodotti in metallo esclusi macchine e impianti (-8,8%) e nell’attività estrattive (-4,6%).

Ma “l’aumento di gennaio – spiegano dall’Istat – non riesce comunque a compensare le variazioni negative degli ultimi mesi”. Bisogna tornare al periodo novembre 2012-gennaio 2013 per trovare un calo medio superiore all’1,8% del periodo novembre 2018-gennaio 2019 (allora era stato -2,2%).

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.