Leonardo, stabile il primo trimestre

Conti stabili per Leonardo nel primo trimestre. Il risultato netto è pari a 50 milioni di euro, uguale al risultato netto ordinario e sostanzialmente stabile rispetto ai 49 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. I ricavi sono in crescita del 3,8%, a quota 2.451 milioni di euro, legati soprattutto al settore elicotteristico. Ordini per 2.164 milioni di euro, in calo del 18,2% rispetto al 2017 quando erano stati contabilizzati gli ordini acquisiti nell’Aeronautica per l’attività’ di supporto alla flotta dei velivoli Efa. “I risultati del primo trimestre 2018 sono in linea con le attese – ha commentato l’amministratore delegato Alessandro Profumo – e, come previsto, gli Elicotteri mostrano segnali di ripresa. Siamo focalizzati sull’esecuzione del Piano Industriale: abbiamo approvato la creazione di ‘Leonardo International’ con l’obiettivo di rafforzare la nostra presenza sui mercati esteri, facendo leva sul modello One Company, per garantire una presenza unitaria nei confronti dei clienti e di tutti gli stakeholders”.

Leonardo sottolinea il “solido avvio dell’anno” presentando in conference call i risultati del primo trimestre 2018. Tra i punti chiave sottolineati da Profumo ci sono i positivi passi avanti nel recupero del settore degli elicotteri ma anche un “solido contributo” dagli altri settori, la conferma delle guidance per l’anno, l’impegno totalmente focalizzato nell’esecuzione del nuovo piano industriale. Intanto sulle guidance, dice Profumo, inciderà positivamente su ordini e cash flow già “entro l’anno”, ma non ancora sui ricavi, l’operatività del maxicontratto in Qatar come prime contractor del consorzio elicotteristico europeo Nhi. Mentre al momento “non c’è alcun impatto” dell’attesa in Italia per la formazione del nuovo governo sull’attività della società e, pur auspicando che ci possa essere presto un governo stabile, Leonardo non vede preoccupazioni neanche più a lungo termine considerando che le attuali grandi campagne internazionali non sono a guida italiana.

Più in generale, c’è “fiducia sulle opportunità per Leonardo”: con una società “ben posizionata per cogliere le positive prospettive del mercato”, che trarrà ancora vantaggi dalla riorganizzazione del gruppo con il nuovo modello ‘one company’, che conta sul “raggiungere una crescita costante e un aumento della redditività”. In un anno, il 2018, in cui la società “sta piantando i semi per la crescita” a lungo termine, sottolinea la società nella presentazione, Leonardo sta “impostando il suo business per vincere”.