CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Ue vuole tassare ‘condivisione’ news. Il no di Di Maio

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

E’ stata ribattezzata ‘link tax’, la tassa che penalizza la condivisione online delle notizie attraverso i social ed è una dei due articoli inclusi nella riforma del copyright proposta dall’Ue, a cui Luigi Di Maio si è fermamente opposto perché metterebbe la rete in “un grave pericolo”. I due articoli “potrebbero mettere il bavaglio alla rete così come noi oggi la conosciamo”, ha aggiunto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico in occasione dell’Internet day organizzato alla Camera e trasmesso sul Blog a 5 stelle.

Il primo articolo “prevede un diritto per gli editori, i grandi editori di giornali, di autorizzare o bloccare l’utilizzo digitale delle loro pubblicazioni introducendo anche una nuova remunerazione per l’editore, la cosiddetta link tax – spiega – Quando noi condividiamo un articolo ed escono quelle tre o quattro righe al di sotto del link, ecco quelle tre o quattro righe verrebbero tassate”.

Il secondo articolo “è perfino più pericoloso del primo, perché impone alle società che danno accesso a grandi quantità di dati di adottare misure per controllare ex ante tutti i contenuti caricati dagli utenti. Praticamente deleghiamo a delle multinazionali, che spesso nemmeno sono europee, il potere di decidere cosa debba essere o meno pubblicato. Cosa è giusto o sbagliato. Cosa i cittadini devono sapere e cosa non devono sapere. Se non è un bavaglio questo ditemi voi cos’è un bavaglio”. Tutto questo, prosegue, “è inaccettabile. E come governo ci opporremo. Faremo tutto quello che è in nostro potere per contrastare la direttiva al Parlamento europeo e qualora dovesse passare così com’è, dovremo fare una seria riflessione a livello nazionale sulla possibilità o meno di recepirla”.

Meno radicale il presidente della Federazione Italiana Editori Giornali (Fieg) Maurizio Costa, secondo il quale sarebbe “prematuro commentare un percorso che è appena iniziato. Come sapete una volta stabilita l’architettura della riforma a livello europeo andrà applicata a livello di ogni singolo paese. Aspetterei a commentare per vedere intanto quello che succede in Europa. Il termine Link tax – ha aggiunto – poi non è il più appropriato per definire quello che sta succedendo ma non voglio andare in tecnicità complesse. Vediamo quello che succede a livello europeo. Per me comunque la soluzione da seguire è quella del dialogo e del confronto”.

Sul tema si è espresso anche il presidente EMEA Partnerships Google Carlo D’Asaro Biondo: “non ho i dettagli per ciò che ha detto Di Maio, non posso fare un commento ma mi sembra importante scendere dal livello delle emozioni a quello dei fatti e che tutte queste situazioni siano vissute caso per caso”. Entrambi i due presenti sono al convegno (IN)Formare in digitale – verso una relazione costruttiva per l’editoria, in corso a Roma.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.