Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Con revoca ad Autostrade 9 mld in più di debito pubblico

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
autostrade atlantia

Esercitare l’articolo 9 della convenzione tra Italia e Autostrade avrebbe conseguenze pesanti per lo Stato. La revoca della concessione sulla rete autostradale comporterebbe infatti un aumento del debito pubblico italiano di 9,4 miliardi di euro. La stima è di Bloomberg, e fa riferimento all’ammontare del debito netto che Autostrade ha riportato alla fine dello scorso anno: in caso di revoca le passività passerebbero ad Anas, e quindi allo Stato.

Sempre secondo Bloomberg il Governo starebbe prendendo in considerazione l’ipotesi di un intervento di Cassa Depositi e Prestiti per rilevare una quota di maggioranza nel capitale di Autostrade. Tuttavia – spiega l’agenzia – non è chiaro se la famiglia Benetton sia d’accordo con questa soluzione o se ci siano state già delle trattative. Il piano, comunque, sarebbe ancora nelle sue fasi preliminari.

In base all’accordo di convenzione tra Anas e ASPI (nonché ad una clausola presente nella documentazione di accompagnamento alle obbligazioni emesse dal gruppo e che si rifà allo stesso accordo), la rescissione anticipata della convenzione costringerebbe infatti lo Stato a farsi carico delle passività della compagnia che gestisce le autostrade, che andrebbero a gravare quindi sul debito di Anas, concedente di natura pubblica, e di conseguenza sul debito sovrano italiano. La stessa convenzione stabilisce però anche che, in caso di trasferimento dell’indebitamento finanziario dal concessionario al concedente, la penale dovuta dallo Stato ad Autostrade venga decurtata dello stesso importo.

SAS ARTICOLO
SAS
anima news 2
Galapagos Rubrica
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
anima news 2
dhl

I più letti