CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Inps: pensioni a quota 100 costano 20 miliardi

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Settecentocinquantunomila pensioni in più a fine 2019, con una spesa di 14,38 miliardi che arriverà a 19,84 miliardi nel 2021. Sono le stime dell’Inps, riportate dall’Ansa, sull’introduzione della quota 100 e lo smantellamento della riforma Fornero, misure che Matteo Salvini ritiene attuabili senza sforare dai vincoli Ue. Commentando sul Sole 24 ore i dati Inps, il Ministro ha dichiarato che l’istituto “più che di economia si occupa di politica”. Secondo alcuni organismi, per Salvini, “la spesa varia dai 6 agli 8 miliardi”.

La somma tra età anagrafica e contributi, la famosa quota 100 per l’accesso alla pensione, comporterebbe l’abolizione dell’attuale sistema di accesso anticipato rispetto all’età di vecchiaia (dal 2019 43 anni e tre mesi di contributi per gli uomini e 42 e tre mesi per le donne). Questo, per l’Inps, costerà dall’anno prossimo 14,38 miliardi per arrivare a 19,84 nel 2021. Il calcolo è dell’Inps e si riferisce, insieme alla quota 100, anche al ripristino della possibilità di andare in pensione con 41 anni di anzianità contributiva indipendentemente dall’età. La quota 100 integrale consentirebbe l’accesso alla pensione della gran parte di coloro che hanno maturato 41 anni di contributi (basterebbe avere almeno 59 anni di età e quindi aver cominciato a lavorare a 18 anni).

Secondo l’Inps questa misura, comunque prevedendo almeno 35 anni di contributi ed escludendo quindi chi ha 66 anni di età e 34 di contributi, porterebbe a 751000 pensioni in più a fine 2019. Il calcolo Inps non considera i paletti di cui si è parlato nelle scorse settimane come gli abbattimenti degli anni di contributi in caso di contribuzione figurativa e del possibile ricalcolo degli importi per chi va in pensione con il metodo retributivo. La stima non tiene conto del maggiore esborso per Tfr e Tfs per i lavoratori pubblici ed è al netto dei risparmi per le mensilità Ape non erogate per i lavoratori che con la nuova normativa maturerebbero i requisiti per la pensione di anzianità.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.