Clima: Cop24, 200 mld in 5 anni da Banca mondiale

Un primo segnale positivo su un cambio d’atteggiamento verso la minaccia dovuta al cambiamento climatico, sempre più vicina, arriva da Katowice. Molti si auguravano che dalla Cop24 polacca arrivassero impegni ancora più decisi rispetto a quelli presi con l’accordo di Parigi. Il primo passo in questo senso arriva all’apertura dell’incontro internazionale sul clima delle Nazioni Unite: dal 2021 al 2025 la lotta all’innalzamento delle temperature potrà contare su 200 miliardi di dollari in più. La cifra la investirà la Banca Mondiale per sostenere l’adattamento al cambiamento climatico e la riduzione delle emissioni.

Si tratta del doppio rispetto a quanto stabilito alla firma dell’accordo di Parigi sul clima, nel 2015. L’annuncio si rivolge in prima battuta ai Paesi più poveri e più esposti alle conseguenze del riscaldamento globale. “Il cambiamento climatico è una minaccia esistenziale per i più poveri e vulnerabili del mondo. Questi nuovi target dimostrano quanto seriamente stiamo prendendo il problema, investendo e mobilitando 200 miliardi in cinque anni per combattere il climate change”, ha detto il presidente della Banca Mondiale, Jim Yong Kim. “Ci stiamo spingendo a fare di più e ad andare più velocemente sul clima, e chiediamo alla comunità globale di fare lo stesso”, ha aggiunto. “Si tratta di incaricare i Paesi e le comunità per costruire un futuro più sicuro e più resiliente al cambiamento climatico”.