WBF

Istat: occupazione al dato più alto da 10 anni

Aboca banner articolo

Il tasso di occupazione italiano segna il dato più alto da 10 anni, tornando quasi ai livelli precrisi; la disoccupazione è scesa a dicembre 2018 per il secondo mese consecutivo, mentre l’occupazione segna un + 0,9% rispetto al dicembre 2017. Nonostante questo, non si è evitato un aumento della disoccupazione nella media del quarto trimestre e di quella giovanile, che segna il 31,9%, meglio dei picchi del 2014 ma molto peggio dei livelli del 2007. È l’Istat a scattare la fotografia sullo stato del mondo del lavoro italiano.

A dicembre 2018, secondo i dati dell’istituto, l’occupazione è cresciuta dello 0,9% rispetto a dicembre del 2017, pari a 202 mila unità in più. Ad aumentare sono stati lavoratori a termine (+257 mila) e indipendenti (+34 mila), mentre sono diminuiti i dipendenti permanenti (-88 mila). Nel confronto tra dicembre e novembre 2018, gli occupati sono stati 23 mila in più (+0,1%). Le dinamiche occupazionali sono state le stesse: 47 mila lavoratori a termine, +11 mila autonomi e -35 mila dipendenti.

Il tasso di occupazione a dicembre 2018 si è attestato al 58,8% in lieve aumento di 0,1 punti percentuali. Si tratta, spiega l’Istat comunicando il dato, del livello più alto da prima della crisi, ovvero da aprile 2008, quando era pari al 58,9%. Il tasso di disoccupazione, inoltre, è sceso a dicembre 2018 al 10,3% (-0,2 punti percentuali). Dicembre è stato il secondo mese consecutivo di calo. Malgrado ciò, la diminuzione non è stata sufficiente ad evitare un aumento della disoccupazione nella media del quarto trimestre, periodo in cui – in base ai dati ancora provvisori – si è registrato un aumento dei disoccupati pari a 63 mila unità (+2,4%). Ad aumentare, seppur lievemente, è invece il tasso di disoccupazione giovanile, pari al 31,9% (+0,1%).

I dati sono ormai distanti rispetto all’apice della crisi. Il tasso di disoccupazione generale a novembre 2014 aveva raggiunto il 13,1% e quello giovani, a marzo dello stesso anno, era pari al 43,3%. I numeri di fine 2018 sono però anche lontani dai picchi precrisi: ad aprile 2007 il tasso di disoccupazione era infatti pari al 5,8% per il dato generale e a febbraio dello stesso anno era al 19,4% per i giovani tra 15 e 24 anni.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.