7 Febbraio 2019

Moody’s: allarme su banche italiane per fine prestiti Bce

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

C’è una scadenza che si avvicina per le banche italiane e sta destando la preoccupazione degli analisti: a giugno 2020, infatti, scadranno i cosiddetti Tltro, ovvero i prestiti a basso costo ottenuti dalla Banca Centrale Europea e “non è ancora chiaro come usciranno da questa situazione” le banche italiane, ha detto la responsabile di Moody’s per il settore bancario, Carola Schuler, durante una conferenza a Francoforte.

A lanciare l’allarme è proprio la società di ricerche finanziarie di New York, che ha espresso particolare “preoccupazione” per il tema, ha sottolineato Schuler, ricordando che gli istituti di credito italiani hanno preso la fetta “più ampia” dei prestiti Bce, pari a a 240 miliardi di euro. “Considerando quanto sia difficile e caro al momento l’accesso ai mercati” per raccogliere fondi, “il tema è di particolare preoccupazione”, sottolinea Schuler.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.