fbpx

L’AI potrebbe valere 2700 mld, per l’Europa

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Entro il 2030, l’Europa dei 28 potrebbe incrementare il proprio Pil del 19%, ovvero 2700 mld di euro, sviluppando l’attuale potenziale delle soluzioni di intelligenza artificiale (AI) e diffondendolo sul territorio. La previsione emerge da un rapporto di McKinsey & Company.

Stando agli esperti, l’Europa ha il potenziale per colmare il divario che la separa dai Paesi leader mondiali – in primis Usa e Cina, che sono capofila – nell’implementazione delle tecnologie digitali e nello sviluppo e adozione dell’AI. La digitalizzazione funge da presupposto alla diffusione dell’AI, ma il divario digitale dell’Europa con America e Cina – si legge – non si è ridotto negli ultimi anni.

Il contributo del digitale al Pil è pari all’1,7% per l’Europa (in Italia il valore è fermo all’1,2%), contro il 2,2% in Cina e il 3,4% in Usa. Solo due aziende europee sono presenti nella top 30 mondiale delle organizzazioni leader nel digitale, e l’Europa ospita solo il 10% dei cosiddetti “unicorni digitali” del mondo, cioè le startup che valgono più di un miliardo di dollari. L’Europa conta il 25% di startup in ambito intelligenza artificiale su scala globale, ma è in ritardo – prosegue il rapporto – sia per quanto riguarda gli investimenti (il capitale investito pro-capite è pari a 220 euro in Usa, mentre in Europa varia dai 3 euro in Italia fino ai 58 euro in Finlandia e ai 123 euro in Svezia), sia per quanto riguarda la diffusione.

Leggi anche