Cerca
Close this search box.

Il tech che assume (in Italia): eDreams ODIGEO apre a Milano

dana dunne ceo edreams

L’Italia, per eDreams ODIGEO, non è territorio inesplorato. Il colosso tecnologico europeo del travel, che ha introdotto il concetto di ‘abbonamento’ sul modello Netflix anche nel settore dei viaggi, è presente nel nostro Paese dall’inizio degli anni 2000. Circa venti anni, sottolinea l’Ad Dana Dunne, non sono pochi: “Non sono molte le aziende del web che possono dire di essere state attive per così tanto tempo”.

Una premessa necessaria per capire per quale motivo eDreams ODIGEO (nata nel giugno del 2011 dalla fusione di eDreams con Go Voyages e Opodo) apre la sua nuova sede italiana: il suo tech Hub non serve ad allargare il business in un nuovo territorio, ma ad attirare talenti. Nonostante questo per il tech non sia esattamente periodo di assunzioni.

Milano, spiega Dunne a Fortune Italia dalla nuova sede che sarà guidata da Luca Pivotto, è la terza area metropolitana più grande in Ue, con una “popolazione tech” molto preparata: “Per questo per noi è stata una scelta naturale”.

Aprendo il tech hub lombardo, che può già contare su una squadra di 60 persone, eDreams ODIGEO ha dichiarato di essere alla ricerca di cento nuovi profili da inserire nei suoi team europei: Milano è una delle sedi in cui si stanno concentrando gli sforzi di reclutamento, e la prima ad aprire dopo la pandemia.

Altri tech Hub sono stati aperti a Porto, Barcellona, Madrid, Palma di Maiorca, Alicante e Budapest. I principali profili ricercati? La parola chiave, ripetuta anche dall’Ad, è software engineer, ma ci sono anche sviluppatori e data scientist:

  • Data Scientist
  • Technical Support Engineer
  • Lead Engineer
  • Java software engineer
  • Frontend software engineer
  • iOS Software engineer
  • Android software engineer
  • Java developer
  • Frontend developer
  • PHP Software engineer

Una varietà di posizioni che riflette l’anima tecnologica dell’azienda: basando il suo business sulle sue piattaforme online, eDreams ODIGEO è una delle più grandi società di viaggi online del mondo e afferma di essere il più grande rivenditore di voli a livello globale, esclusa la Cina, e il più grande in Europa, con 4 marchi di agenzie di viaggio online (eDreams, GO Voyages, Opodo, Travellink) 17 milioni di clienti serviti all’anno in 44 Paesi.

L’accelerazione, però, è arrivata recentemente: negli ultimi risultati trimestrali la redditività è esplosa. L’ebitda è aumentato del 78% in un anno, e punta ai 180 mln di euro per il 2025.

Risultati arrivati grazie a Prime: un programma di abbonamento simile a quelli implementati da Netflix nell’intrattenimento o Spotify nella musica.

L’anno scorso sono arrivati 250 nuovi membri del team per sostenere la crescita del business degli abbonamenti. L’obiettivo è arrivare a 7,25 milioni di membri Prime entro il 2025: attualmente “siamo a 3,8 milioni di membri”, dice l’Ad. “Solo nell’ultimo trimestre ne abbiamo aggiunti 400mila”.

Il tech Hub di eDreams Odigeo a Milano

Gli abbonamenti saranno la grande innovazione del settore travel, dice Dunne, “e sinceramente non ci sono molte aziende, in qualsiasi settore, che possano dire di avere una quantità simile di abbonati”.

“Dall’inizio della pandemia, eDreams ODIGEO ha costantemente sovraperformato il settore in generale, con un fatturato superiore ai livelli pre-Covid del 48% nella prima metà dell’anno fiscale 2022”, dice l’azienda.

E i risultati in Italia? Quotata alla Borsa spagnola, eDreams ODIGEO non rivela i risultati per nazione, spiega l’Ad, per il quale in ogni caso il punto dell’apertura della sede milanese non è il business, ma la necessità di attirare nuovi talenti.

Non una necessità scontata, considerato il periodo per il tech: l’ondata di licenziamenti americana è arrivata anche in Europa, con Spotify che ha mandato via 9mila persone, avvicinandosi al podio delle big tech Usa.

Fa effetto assumere in un periodo del genere? Rispondendo da una delle sale riunioni del tech hub milanese, il Chief technology officer di eDreams Carsten Bernhard sorride: “Le innovazioni come Prime ci hanno permesso di continuare ad assumere”, spiega. “Siamo una tech company con la passione del travel”. E per innovare profondamente quel settore, serve un grande lavoro sull’introduzione dell’intelligenza artificiale “in tutto quello che facciamo”.

Carsten Bernhard, Cto eDreams ODIGEO

Ad esempio nella customer experience: la grande sfida per eDreams ODIGEO è proprio il suo grande volume di mercato, spiega il Cto.

Quando si ha a che fare con milioni di utenti online e centinaia di milioni di ricerche, il machine learning diventa fondamentale per “scalare” e personalizzare al meglio l’esperienza dei clienti sui siti del Gruppo: gli algoritmi gestiti dai team AI dell’azienda raggiunto ormai “un miliardo di previsioni al giorno”, dice Bernhard.

“Se su un sito vengono mostrate troppe opzioni, l’utente si annoia”. Con l’AI, si prevedono le preferenze degli utenti. E se quegli utenti sottoscrivono un ‘abbonamento’, come il Prime di eDreams, i dati su cui costruire quelle previsioni migliorano in continuazione, diventando sempre più precisi.

Secondo il Cto, tutti parlano di ChatGpt per un motivo: l’innovazione portata dell’intelligenza artificiale ‘generativa’ sul linguaggio è probabilmente la frontiera di innovazione più interessante, nel breve periodo: “Sarà interessante”, dice il Cto, vedere come potrà essere integrata in un assistente di viaggio che avverte di un problema sul volo, ad esempio.

A inizio 2022, eDreams ODIGEO aveva annunciato l’obiettivo di arrivare a 500 assunzioni entro il 2025 (con un aumento della forza lavoro del 50%). Dunne conferma l’obiettivo, dicendo che ad attirare i talenti del tech sarà la stessa natura delle innovazioni dell’azienda: “Le persone del tech vogliono fare la differenza. Nel travel siamo stati dei ‘disruptor’: qui possono farlo”.

Ecco perché Polignano a Mare è la città più accogliente al mondo secondo Booking

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.