TIM
POSTE header

De Longhi, presidente indagato per insider trading

Teva banner articolo
Teva banner articolo

L’imprenditore leader nel campo degli elettrodomestici e patron del gruppo De Longhi, Giuseppe De Longhi, insieme alla sua segretaria personale, sono indagati per insider trading nella cessione del 74,97% di DeLclima, società dello stesso gruppo, a Mitsubishi Electric Corporation, avvenuta nell’agosto del 2015, quando la società di climatizzazione era quotata alla Borsa di Milano.

A De Longhi è contestato di aver fornito informazioni price sensitive dell’imminenza della vendita a vantaggio della sorella Alberta De Longhi.

I militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, che per altro hanno sequestrato disponibilità finanziare per un valore di oltre 360 mila euro, hanno notificato a De Longhi e alla sua segretaria personale l’avviso di conclusione indagini firmate dal pm di Milano Stefano Civardi. Al centro degli accertamenti delle Fiamme Gialle c’è la cessione della partecipazione del 74,97% della DeLclima spa a Mitsubishi Electric Corporation nell’estate di 4 anni fa, periodo in cui la società di climatizzazione era ancora quotata nel segmento Blue Chips del Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana, con conseguente Opa obbligatoria sul resto del flottante a un prezzo che incorporava un premio dell’85% rispetto al valore di acquisto.

La sorella di De Longhi, in seguito alla ricezione di informazioni riservate, avrebbe acquistato a più riprese, dal 10 al 12 agosto 2015, per sé e per i figli, azioni di DeLclima per un controvalore di 430 mila euro, per poi rivenderle nell’ambito della stessa Opa totalitaria lanciata dai giapponesi il 25 agosto 2015, realizzando così un profitto di più di 360 mila euro. Anche la segretaria di De Longhi è accusata di insider trading: in base alla ricostruzione, sarebbe stata in possesso delle stesse informazioni riservata per via del ruolo ricoperto. Informazioni grazie alle quali avrebbe acquistato azioni per circa 15 mila euro con un guadagno di oltre 13 mila euro. Le indagini sono nate dalla valorizzazione di una serie di evidenze informative a disposizione del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria che ha condotto una mirata analisi aggregata di molteplici segnalazioni di operazioni sospette relative all’anomala attività di negoziazione in titoli o derivati finanziari. Del caso di è occupata anche Consob che di recente ha adottato provvedimenti sanzionatori nei confronti di Alberta Del Longhi.

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.