fbpx

Generali: Antonella Mei-Pochtler nel Cda al posto di Barra

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Marcella Merlo – È quello di una superesperta nel campo delle tecnologie digitali il nome nuovo nella lista depositata da Mediobanca per il Cda di Generali, dove il primo azionista ha confermato, nel segno della continuità, tutti gli altri candidati, a partire dal presidente del Leone, Gabriele Galateri e dal ceo Philippe Donnet. A sostituire Ornella Barra, che non ha rinnovato la propria disponibilità a causa degli “accresciuti impegni manageriali presso Walgreens Boots Alliance”, è Antonella Mei-Pochtler, classe 1958, nata a Roma e con una carriera internazionale al di là delle Alpi, all’interno di Boston Consulting Group.

Del colosso della consulenza Mei-Pochtler è oggi senior advisor per la Digital transformation e Organizational design ma non è l’unico incarico che ricopre. È anche special advisor del Cancelliere austriaco, Sebastian Kurz. Nella stesura dell’elenco di candidati per il board di Generali di 13 membri (due dei quali saranno proposti da Assogestioni), da portare all’assemblea del 7 maggio, Mediobanca si è avvalsa del cacciatore di teste Spencer and Stuart, cui ha dato mandato, nel processo di composizione della lista, di sondare la disponibilità degli attuali amministratori e di selezionare alcuni profili di riserva tra i quali è stata alla fine individuato quello di Mei-Pochtler.

Il suo nome rispecchia l’indicazione dell’attuale board “di rafforzare l’esperienza internazionale e le competenze del consiglio nei campi tecnologico e digitale” anche per il peso crescente che le nuove piattaforme avranno per il gruppo assicurativo come previsto dal piano triennale presentato lo scorso novembre. I candidati di Mediobanca, che saranno votati anche dagli altri soci italiani, sono Galateri, Francesco Gaetano Caltagirone, Clemente Rebecchini, Philippe Donnet, Romolo Bardin, Lorenzo Pellicioli, Sabrina Pucci, Alberta Figari, Diva Moriani, Paolo Di Benedetto e, appunto, Mei-Pochtler. Gli ultimi della lista, Maurizio Dattilo e Barbara Negri, non entreranno invece nel board, dove Assogestioni dovrebbe confermare, depositando la propria lista entro il 5 aprile, Roberto Perotti e Paola Sapienza.