fbpx

Rinnovabili, incontro Di Maio-La Camera

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“L’Italia ha compiuto buoni progressi nell’energia rinnovabile negli ultimi dieci anni, dimostrando una leadership nella transizione energetica in Europa e nel mondo”. Così il Direttore generale dell’Irena – l’Agenzia internazionale per le rinnovabili – Francesco La Camera ha accolto ad Abu Dhabi il Vicepremier Luigi Di Maio, nei giorni scorsi in missione negli Emirati Arabi con una delegazione di 170 tra imprese, sette banche e assicurazioni, e organizzazioni di rappresentanza tra cui Abi, Confindustria e Unioncamere.

Tra il 2008 e il 2018, ricorda Irena, la capacità di energia rinnovabile installata dell’Italia è raddoppiata a circa 53 gigawatt (GW). Il paese è sulla buona strada per soddisfare i suoi ambiziosi piani di rinnovabili del 30% nel consumo finale lordo di energia entro il 2030. Ciò si traduce in 50 GW di solare fotovoltaico e oltre 18 GW di energia eolica.

“Il percorso verso un’economia a basse emissioni di carbonio non solo aiuterà a creare un futuro sicuro per il clima, ma sosterrà anche la crescita economica e la creazione di posti di lavoro, migliorando nel contempo la sicurezza energetica. Accogliamo con favore la prosecuzione della nostra forte partnership con l’Italia a sostegno della transizione energetica”, ha detto La Camera.

“Siamo impegnati in un futuro energetico a basse emissioni di carbonio”, ha dichiarato Di Maio. “La trasformazione dell’energia rappresenta un’opportunità positiva per promuovere e condividere la nostra esperienza in materia di energia per far progredire lo sviluppo globale delle energie rinnovabili, promuovendo al tempo stesso il business domestico e l’attività economica. Il ruolo di Irena nel promuovere la trasformazione energetica è centrale, e l’Italia rimarrà uno stretto partner dell’Agenzia mentre perseguiamo obiettivi nazionali e contribuiamo agli obiettivi globali”.

Di Maio ha sottolineato che con il “Piano Energia e il Clima 2030”, il Governo ha messo in campo uno strumento fondamentale per raggiungere e superare gli obiettivi fissati dall’Unione europea sull’efficienza e la sicurezza energetica, sull’utilizzo delle fonti rinnovabili in tema di mercato unico di energia e competitività.