fbpx

Storia di Bolgheri, eccellenza mondiale del vino

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Bordeaux, Borgogna, Barolo. Gli occhi di ogni amante del vino si illuminano quando leggono questi nomi. Con storie di vinificazione che risalgono a secoli fa, regioni vinicole importanti come il trio di cui sopra impongono al mercato prezzi elevati e battono i record nelle aste.

In che modo Bolgheri, un piccolo borgo in provincia di Livorno, è diventato nel giro di pochi decenni un punto di riferimento per i vini pregiati alla pari di queste storiche regioni? Per questa zona costiera toscana, che ha ottenuto la Denominazione di origine controllata per i suoi famosi vini rossi solo 25 anni fa, la risposta sta nella visione, nell’innovazione e nella volontà di ignorare gli scettici.

In un articolo scritto per Fortune, Shana Clarke racconta la storia, il clima, i volti e le imprese di una terra che, sulla base di uve francesi mai usate prima in quella parte del Paese (Cabernet Sauvignon e Franc) ha dato vita in prima battuta, nel 1968, alla Sassicaia. Quello che allora per gli scettici è stato un affronto alla tradizione italiana si è trasformato, grazie all’innovazione portata anche dagli imprenditori contattati da Fortune.com, in un successo che ha portato le bottiglie di Bolgheri nel mercato dei vini più costosi del mondo.