fbpx

Pet economy, un mercato da oltre 2 mld di euro

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Prima Fido, poi il padrone. Almeno quando si tratta di aprire il portafoglio. Proprio come accade per ogni membro della famiglia, anche per cani e gatti gli italiani non risparmiano. Il mercato dei prodotti per l’alimentazione degli amici a quattro zampe, la pet economy, nel 2018 ha sviluppato un giro d’affari di 2,08 mld di euro, in crescita a valore del 1,5% rispetto all’anno precedente. Nella partita tra i due animali domestici, vincono i gatti, anche se di poco: il mercato degli alimenti per i felini, infatti, rappresenta il 52,3% del mercato totale e vale 1,08 mld di euro, mentre quello degli alimenti per cane 993 mln. Così il rapporto Assalco – Zoomark 2019 traccia una panoramica dell’andamento della pet economy in Italia.

Prima azienda in Italia per fatturato e per siti produttivi, 8° in Europa e 26° nel mondo, a raccontare sul nuovo numero di Fortune Italia il punto di vista dell’imprenditoria del settore della pet economy è Luciano Fassa, direttore generale di Monge Spa. “Negli ultimi anni abbiamo registrato tassi di crescita dei nostri fatturati superiori all’andamento del mercato e questo ci ha permesso di scalare posizioni e arrivare sul podio, sia nel canale specializzato, che nella Gdo”, sottolinea il dg.

Guardando a tutto l’universo pet, sono più di 60 milioni gli animali d’affezione in Italia – se la ripartizione fosse equa si potrebbe dire che ogni italiano ha almeno un ‘amico non umano’ a testa. Circa 30 milioni di pesci, 12,8 milioni di uccelli, 7,3 milioni di gatti, 7 milioni di cani, 1,8 milioni di piccoli mammiferi e 1,3 milioni di rettili. In termini prettamente economici, si parla di un mercato che vale oltre 2,2 mld di euro. La crescente attenzione alla salute e alla qualità che si sta radicando nella società odierna passa direttamente dal padrone al suo animale: nel segmento alimenti per cani e gatti crescono i cosidetti ‘premium’ e formati più piccoli. Ma anche gli snack funzionali – spuntini con obiettivi funzionali, ad esempio per favorire l’igiene orale – e fuoripasto, continuano a mostrare dinamiche positive (+5,4% a valore). Il tutto per un totale di 565.136 tonnellate vendute (-1,2% rispetto all’anno precedente).

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di giugno.