fbpx

30 Agosto 2019

Fincantieri ha proposto 20 fregate alle US Navy: bando da 19 mld

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Francesco De Filippo – Fincantieri ha depositato alla Us Navy, la marina militare statunitense una proposta tecnica in merito alla gara da 19 mld di dollari indetta per la costruzione di venti fregate multiruolo, arrivata nell’ultimo giorno utile prima della scadenza dei termini per la presentazione delle proposte stesse. Si tratta, dopo una prima selezione avvenuta tra i vari partecipanti alla gara, di un primo passo ufficiale all’interno di un percorso la cui seconda tappa sarà, tra circa un mese, la presentazione della relativa proposta economica. Dunque, prima il progetto, poi il prezzo.

Un percorso che si concluderà a metà 2020 quando sarà indicato il vincitore della redditizia gara. La ‘request for proposal’ della Us Navy – per 20 fregate multiruolo programma Ffg(X), detto anche “Fast frigate” – con iniziale scadenza 22 agosto poi procrastinata a ieri, è particolare, e questo ha comportato un primo sfrondamento di partecipanti: occorreva presentare un progetto esistente opportunamente rivisitato per le esigenze del committente. Il gruppo triestino ha dunque proposto una versione customizzata di nave già ampiamente collaudata e che riscuote grande interesse: le Fremm (fregate europee multi missione) già operative con la Marina italiana alla quale ha già consegnato 8 di 10 unità.

La prima selezione ha ridotto a 3 i concorrenti, oltre la Fincantieri: Austal Usa, appendice Usa del gruppo australiano; Huntington Ingalls Industries e Bath Iron Works, entrambi Usa. Si sono ritirati l’ inglese Bae Systems e la statunitense Lockheed Martin. Quello statunitense per il gruppo di Giuseppe Bono è un mercato conosciuto: proprio con la Lockheed, infatti, fa parte di un consorzio che negli Stati Uniti realizza il programma LCS (Littoral Combat Ship), sempre per la US Navy, nell’ambito del quale sono già state costruite 9 navi; altre 7 sono in costruzione in uno dei cantieri statunitensi di Fincantieri, Marinette Marine; altre due sono già state ordinate. Tornando in Italia, oggi Fincantieri ha varato ad Ancona la nave crociera Silver Moon, una extra lusso da 596 passeggeri, gemella dell’ammiraglia Silver Muse (2017), e di Silver Dawn (consegna prevista nel 2021). E nelle settimane scorse, sbloccati 7,2 miliardi per le Forze armate, diventa reale l’opportunità di costruire altri 4 sottomarini U-212 NFS (Near Future Submarine) per la Marina italiana, che affiancheranno i 4 già in servizio della classe Todaro.

fincantieri
Foto del 27 settembre 2016: la sede Fincantieri Marinette Marine Shipyard e la U.S.S. Detroit, a Marinette, Wisconsin. (Daniel MearsThe Detroit News via AP)

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.