10 Settembre 2019

Le rinnovabili hanno già vinto: “solare prima fonte d’energia nel 2035”

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Fortune.com – È vero, l’energia solare attualmente costituisce meno del 2% del mix energetico mondiale, ma le prospettive dei dirigenti delle società del settore sono, è il caso di dirlo, quanto mai luminose. “L’importante è la nuova generazione energetica, e negli Stati Uniti le energie rinnovabili rappresentano il 70% della nuova generazione. È game over”, ha dichiarato Tom Werner, CEO di SunPower, la società con sede in California, parlando al Fortune Global Sustainability Forum nello Yunnan, in Cina.

“Ecco perché le grandi aziende della distribuzione elettrica, del petrolio e del gas si stanno buttando sulle fonti rinnovabili”. Anche Christian Rynning-Tønnesen, CEO di Statkraft, produttore norvegese di energie rinnovabili, è stato altrettanto positivo. “Il solare sarà la più grande fonte di elettricità del pianeta dal 2035”, ha detto, aggiungendo che i suoi calcoli mostrano che le fonti rinnovabili rappresenteranno l’80% della produzione di elettricità entro il 2050. “La conversione in fonti rinnovabili è inevitabile e sta accadendo: parliamo di cambiamento climatico, che ha dei costi… insomma, il capitalismo funziona”, ha affermato Werner, secondo cui il solare continuerà a beneficiare dell’equivalente nelle rinnovabili della Legge di Moore nel tech (il prezzo della tecnologia sta precipitando sempre di più).

Che dire dell’argomento secondo cui non si può avere corrente quando non c’è il sole e il vento non soffia? Werner ammette che lo stoccaggio è una sfida, in particolare in inverno, ma sostiene che si tratta di una discussione ormai vecchia. Sottolinea la continua innovazione in materia di stoccaggio e distribuzione di energia e afferma che una rete flessibile costituirà gran parte della soluzione.

Che dire della politica mutevole dei governi, in particolare degli Stati Uniti, verso l’energia pulita? Werner ha definito anche questa una sfida, ma ha sostenuto che l’attrazione per le energie rinnovabili supera le linee politiche non favorevoli. “L’attuale amministrazione federale sta facendo tutto il possibile per incentivare le utility a costruire una centrale a carbone. Non ce ne sono in costruzione. È perché i loro consumatori vogliono energie rinnovabili, e perché hanno buon senso, dal punto di vista economico”.

Marjorie Yang, presidente del Gruppo Esquel, un produttore di abbigliamento con sede a Hong Kong, ha affermato che è responsabilità della comunità imprenditoriale spingere per le energie rinnovabili (e per una politica coerente) con i governi.

Sebbene Esquel sia stato uno dei primi ad adottare i pannelli solari nelle sue fabbriche, Yang ha affermato che per le piccole aziende – Esquel ha un fatturato annuo di 1,8 mld di dollari – i rendimenti delle energie rinnovabili non sono convincenti. Inoltre, “esiste una curva di apprendimento nell’uso dei pannelli solari”, ha affermato. Vorrebbe investire di più, ma dice che sta aspettando “pannelli più puliti”.Per lei, il vero vantaggio dell’utilizzo delle energie rinnovabili per alimentare le sue fabbriche è che aiuta ad attrarre giovani talenti, ha detto.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.