fbpx

12 Settembre 2019

Bus, tram e metro: un mercato da aprire

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di apertura del mercato di bus, tram, metro e treni locali e regionali, di concorrenza tra le imprese per aggiudicarsi i contratti di servizio di Comuni e Regioni, si dibatte, ininterrottamente e ferocemente dal 1997, anno di approvazione del decreto legge 422, avvio della liberalizzazione del settore. Perché di concorrenza, in questi venti e passa anni, se ne è vista poca, e l’Italia e le sue città non brillano in Europa per quantità e qualità del trasporto locale. A rilanciare per l’ennesima volta la sfida, a chiedere una apertura reale, così che “alla teoria segua la pratica e al presente il futuro”, per dirla con le parole del presidente Giuseppe Vinella, stavolta è Anav, l’associazione delle imprese private, che ha scelto questo evergreen assai dibattuto per celebrare i suoi 75 anni di vita tra Modena e Maranello, nella cornice dei due musei dedicati a Enzo Ferrari e alla casa automobilistica, icona nel mondo del lusso e della velocità.

Anav ha chiamato il presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti, Andrea Camanzi, i professori Giuseppe Catalano, di Diag-Università La Sapienza di Roma, e Carlo Carminucci, di Isfort, e il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia a offrire il proprio contributo, alla presenza di oltre 200 imprenditori, amministratori locali e stakeholders del settore.

“Vogliamo impiegare le nostre migliori capacità ed energie per creare un sistema di mobilità collettiva moderna e di qualità, efficiente ed ecologica, finalmente capace di sottrarre quote significative di spostamenti all’auto privata”, ha esordito Vinella, che guida 550 imprese associate nei tre segmenti trasporto locale, noleggio bus con conducente e autolinee nazionali e internazionali di lunga percorrenza, circa il 40% di un settore industriale che genera più di 10 mld di fatturato e trasporta 4 miliardi di passeggeri, forte di  78mila autobus e oltre 120mila addetti.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre.

Puoi abbonarti al magazine in versione cartacea oppure puoi accedere alla versione digitale.

 

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.