Advertisement

19 Ottobre 2019

E il Pd? Partito di governo e dei salotti

Fabio Insenga

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

C’è un filo conduttore che unisce la piazza dell’orgoglio italiano della destra, la decima Leopolda e anche l’Italia a cinque stelle della scorsa settimana: il legame tra i partiti politici e la propria gente. 

Ci sono partiti personali, come la Lega di Salvini e Italia Viva di Renzi, un partito che ha trovato una sua dimensione come Fdi, un altro ormai consumato che tenta un colpo di coda, come Forza Italia. C’è poi un Movimento, quello grillino, che ha archiviato la sbornia del clamoroso consenso improvviso e sta facendo i conti con la propria base. 

Tutti, nelle loro manifestazioni, riconoscono il valore del confronto con le persone, gli elettori fedeli e quelli potenziali, che possono sostenerli. Lo fanno sommando una serie di slogan, promettendo cose che non potranno mai mantenere, insultando gli avversari. In maniera anche discutibile, ma lo fanno.

Poi, nell’arena delle politica che si sporca le mani con la gente, c’è anche un convitato di pietra, il Partito Democratico. Semplicemente, non pervenuto. Il ruolo assunto nel nuovo governo Conte lo rimette ancora una volta nella posizione preferita, quella di una squadra di governanti ‘al servizio del Paese’. Il profilo è quello della serietà, dell’affidabilità, della responsabilità. Tutte doti rispettabili e riconosciute al Pd dai mercati, dagli interlocutori internazionali e dai centri di potere economici. Un profilo che devono avere le forze politiche mature, capaci di esprimere una classe dirigente di governo. 

Ma la politica è fatta anche di altro. È fatta di idee, di coscienza collettiva, di comunità. Ecco, il Pd le ha perse di vista da tempo. E senza questa connessione con il Paese reale, con le persone, rischia di consegnarsi a un destino ineluttabile: restare il partito dei salotti e delle élite culturali, capace di governare ma non di prendere voti. 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.