Advertisement

30 Novembre 2019

Pippo Callipo candidato del centrosinistra in Calabria

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Sarà Pippo Callipo il candidato governatore per il centrosinistra in Calabria. L’annuncio dell’inprenditore rompe l’impasse e rimette in discussione anche l’equilibrio nei rapporti tra Cinquestelle e Pd. Le parole del ‘re del tonno’ sono piuttosto chiare: “Ho scelto di accettare la sfida anche se sono consapevole che i problemi e le priorità da affrontare non mancano e sono molto complessi”, dice il re del tonno, che spiega: “Penso ad esempio alla sanità e alla necessità di uscire dal commissariamento, allo sviluppo socio-economico agognato da decenni, alle infrastrutture per attrarre investimenti e dunque creare occupazione”. “Su queste basi, embrione di una piattaforma più ampia -continua l’imprenditore- lancio un forte appello a partiti e movimenti civici:  uniamoci e portiamo avanti questa battaglia di legalità, trasparenza e rinnovamento, facciamolo con coraggio senza badare a rendite di posizione e tatticismi. Io ci sono… Io Resto in Calabria”.

Le parole del leader Pd, Nicola Zingaretti, che arrivano subito dopo, aiutano a chiarire  il peso della candidatura: “è l’elemento di grande novità politica e di spinta al cambiamento”. E poi all’appello ai dem calabresi: “Ora tutto il Pd calabrese si unisca intorno a Callipo”. Un appello però che si scontra con la fronda che resiste attorno al governatore uscente Mario Oliverio che, al momento, resta intenzionato a candidarsi.

La ricostruzione dell’Adnkronos aiuta a capire come si sia arrivati allo sviluppo di oggi. “Siamo andati a casa loro e gli abbiamo preso il gioiello”, si spiega in ambienti dem. Quello di Callipo era un nome civico che era stato avanzato dai 5 Stelle, poi la possibilità era sfumata per le divisioni dei pentastellati su coalizione sì o no con il Pd in Calabria.

I dem hanno lavorato con il commissario Stefano Graziano e Nicola Oddati, insieme all’imprenditore anti-racket Nino De Masi e al segretario generale della Cgil Calabria, Angelo Sposato, per convincere Callipo a candidarsi. Dopo giorni di confronto, ieri la telefonata tra Callipo e Nicola Zingaretti è stata il tassello finale dell’operazione.

La discesa in campo del ‘re del tonno’ ha scosso il già agitato campo dei grillini calabresi. E non è detto che i giochi non possano rimettersi in moto: “Con Callipo in campo si riapre tutto”, si osserva in ambienti dem in cui si spiega come in Calabria si stia “aprendo una voragine nei 5 Stelle tra chi vuole l’alleanza con il Pd e chi no”. E anche l’imprenditoe De Masi, che nei giorni scorsi si era speso per l’unità cercando di convincere i 5 Stelle all’alleanza con il Pd, torna alla carica: “Ho passato 4 giorni a telefonare singolarmente a ogni parlamentare calabrese dei 5 Stelle. Li ho supplicati uno per uno. Ma non ci sono riuscito. Ora -dice all’Adnkronos- vediamo se con Callipo in campo, saranno illuminati sulla via di Damasco…”.

Filippo Callipo, Pippo per tutti da sempre, è uno dei più noti imprenditori calabresi, patron di Callipo Group e della Giacinto Callipo Conserve Alimentari, 58 milioni di euro di fatturato nel 2018, 10% in più rispetto all’anno precedente.

In un’intervista a Fortune Italia, in pieno governo giallo-verde, aveva preso le distanze dalla svolta a destra compiuta allora dal Movimento, che pure aveva votato alle ultime elezioni politiche.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.