Advertisement

3 Dicembre 2019

Il paradosso cinese: il leader delle rinnovabili punta ancora sul carbone

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di  Christina Larson – Mentre i leader mondiali si riuniscono nella Cop25 in Spagna per discutere su come rallentare il riscaldamento del pianeta, l’attenzione cade sulla Cina, il Paese che più di tutti emette gas serra. La Cina brucia circa la metà del carbone utilizzato a livello globale ogni anno. Tra il 2000 e il 2018, le sue emissioni annuali di carbonio sono quasi triplicate e ora rappresentano circa il 30% del totale mondiale. Eppure è anche il mercato leader per pannelli solari, turbine eoliche e veicoli elettrici e produce circa due terzi delle celle solari installate in tutto il mondo.

 

“Stiamo assistendo a molte contraddizioni nello sviluppo energetico della Cina”, ha dichiarato Kevin Tu, membro di Pechino del Center on Global Energy Policy presso la Columbia University. “È il più grande mercato del carbone e il più grande mercato dell’energia pulita al mondo”. Questo apparente paradosso è possibile a causa della vastità delle richieste energetiche della Cina. Ma poiché l’economia cinese rallenta, ed è al livello più basso in un quarto di secolo – circa il 6% di crescita, secondo le statistiche del governo – i politici stanno raddoppiando il sostegno al carbone e ad altre industrie pesanti, le tradizionali basi del sistema energetico e dell’economia cinese. Allo stesso tempo, il Paese sta riducendo i sussidi per le energie rinnovabili.

 

 

Al vertice annuale delle Nazioni Unite sul clima, quest’anno a Madrid, i rappresentanti del governo daranno gli ultimi ritocchi all’attuazione dell’Accordo di Parigi del 2015, che ha fissato l’obiettivo di limitare il riscaldamento futuro da 1,5 a 2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. Le nazioni possono decidere da sole come raggiungerlo.

 

La Cina si era precedentemente impegnata a spostare il suo mix energetico al 20% di energie rinnovabili, compresa l’energia nucleare e idroelettrica. Gli esperti del clima generalmente concordano sul fatto che gli obiettivi iniziali promessi a Parigi non saranno sufficienti per raggiungere l’obiettivo, e il prossimo anno le nazioni dovranno articolare obiettivi più ambiziosi.

 

cop25
epa08040834 Attendants work at a laptop during the COP25 Climate Summit in Madrid, Spain, 03 December 2019. The UN Climate Change Conference COP25 runs from 02 to 13 December 2019 in the Spanish capital. EPA/CHEMA MOYA

 

Le speranze che la Cina offrirebbe di fare molto di più stanno svanendo.

 

Recenti rapporti dei media e immagini satellitari suggeriscono che la Cina sta costruendo o pianificando di completare nuove centrali a carbone con una capacità totale di 148 gigawatt – quasi uguale all’intera capacità di carbone dell’Unione europea entro i prossimi anni, secondo un’analisi di Global Energy Monitor, un’organizzazione no profit con sede a San Francisco.

 

Inoltre, gli investimenti nelle energie rinnovabili in Cina sono scesi di quasi il 40% nella prima metà del 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo il Bloomberg New Energy Finance, un’organizzazione di ricerca. Il governo ha ridotto i sussidi per l’energia solare.

 

La scorsa settimana a Pechino, il vice ministro cinese per l’ecologia e l’ambiente ha dichiarato ai giornalisti che le fonti di combustibili non fossili rappresentano già il 14,3% del mix energetico del paese. Ma non ha indicato se la Cina abbraccerà obiettivi più rigorosi.

 

“Siamo ancora di fronte alle sfide per sviluppare la nostra economia, migliorare il sostentamento delle persone”, ha detto Zhao Yingmin.

 

La Cina viene alternativamente indicata come il peggior criminale climatico del mondo o il suo potenziale salvatore tramite energia pulita, ma entrambi i superlativi sono in qualche modo fuori luogo.

 

Essendo un’economia in rapida crescita, era inevitabile che le richieste energetiche della Cina aumentassero vertiginosamente. L’unica domanda era se il Paese potesse alimentare una parte sufficientemente ampia della sua economia con energie rinnovabili per frenare la crescita delle emissioni.

 

Molti osservatori hanno sperato in un breve calo delle emissioni di carbonio della Cina tra il 2014 e il 2016, così come la dichiarazione del leader cinese Xi Jinping nel 2017 che la Cina aveva “preso un posto guida nella cooperazione internazionale per rispondere ai cambiamenti climatici”.

 

Oggi la rinnovata attenzione del Paese al carbone arriva come una delusione. “Ora si ha la sensazione che, piuttosto che essere un leader, la Cina sia quella che ha perso velocità”, ha affermato Lauri Myllyvirta, capo analista del Center for Research on Energy and Clean Air di Helsinki. Osserva che diversi paesi sviluppati – tra cui Germania, Corea del Sud e Stati Uniti – stanno rapidamente riducendo la loro dipendenza dal carbone. I combustibili fossili come carbone, benzina e gas naturale rilasciano anidride carbonica nell’atmosfera, intrappolando il calore e cambiando il clima. Il carbone è il principale colpevole. L’anno scorso, il consumo di carbone negli Stati Uniti ha raggiunto il livello più basso in quasi 40 anni, secondo l’Energy Information Administration degli Stati Uniti.

 

cop25
epa08040155 UN General-Secretary Antonio Guterres delivers a speech during a reception held for heads of states at the Royal Palace in Madrid, Spain, 02 December 2019, on the occasion of the UN Climate Change Conference COP25 that runs from 02 to 13 December 2019 in the Spanish capital. EPA/JUANJO MARTIN / POOL POOL

 

Un luogo in cui osservare l’aumento, la pausa e la ripresa del settore del carbone cinese è la provincia dello Shanxi, una vasta regione montuosa nella Cina centrale. Lo Shanxi è il cuore del carbone della Cina, costellato da grandi miniere, ma anche il sito di alcuni dei più grandi progetti di energia solare ed eolica, secondo i media statali.

 

Durante la maggior parte degli ultimi 30 anni di rapida crescita economica, l’attività del carbone è cresciuta nello Shanxi e nelle province vicine. Con l’espansione delle città e delle industrie cinesi, il carbone ha fornito gran parte di tale potenza e la Cina ha superato gli Stati Uniti come principale emettitore di carbonio nel 2006.

 

Ma dopo essere salito bruscamente per due decenni, le emissioni della Cina si sono arrestate intorno al 2013 e poi sono leggermente diminuite nel 2015 e nel 2016, secondo il Global Carbon Budget, che monitora le emissioni in tutto il mondo. Questo calo è avvenuto quando i leader cinesi hanno dichiarato una ‘guerra all’inquinamento’ e sospeso la costruzione di decine di centrali elettriche a carbone previste, comprese alcune nello Shanxi.

 

Allo stesso tempo, il governo ha richiesto a molti operatori di carbone esistenti di installare nuove attrezzature nei fumaioli per rimuovere l’anidride solforosa, il protossido di azoto e altre sostanze pericolose. Circa l’80% delle centrali a carbone ha ora impianti di lavaggio, ha affermato Alvin Lin, direttore della politica climatica ed energetica cinese con sede a Pechino per il Consiglio per la difesa delle risorse naturali, un’organizzazione no profit.

 

Di conseguenza, la qualità dell’aria in molte città cinesi, tra cui Pechino, è migliorata in modo significativo tra il 2013 e il 2017. I residenti da tempo abituati a indossare maschere e macchine per il filtraggio dell’aria a casa hanno goduto di più giornate dal cielo terso – i cieli completamente invasi dall’inquinamento sono noti in Cina. I livelli annuali di PM 2,5 – un inquinante minuscolo ma pericoloso – sono diminuiti di circa un terzo in tutta la Cina tra il 2013 e il 2017, da 61,8 a 42 microgrammi per metro cubo, secondo gli scienziati dell’Università Tsinghua di Pechino e di altre istituzioni. Hanno redatto il rapporto a novembre negli Atti della National Academy of Sciences, una rivista peer-reviewed.

 

“Questo è un grande miglioramento, anche se in termini di qualità dell’aria, c’è ancora molto da fare”, ha detto Lin. I livelli di inquinamento della Cina sono ancora ben al di sopra degli standard stabiliti dall’Organizzazione mondiale della sanità.

 

Mentre le centrali a carbone modificate emettono meno inquinanti che danneggiano la salute umana, i depuratori non riducono i gas serra. “I nuovi impianti sono buoni per la qualità dell’aria, ma tutta l’anidride carbonica che entra nell’atmosfera è ancora lì”, ha detto Lin.

 

Shanxi cina carbone pannelli solari cop25
In this Nov. 27, 2019, photo, a solar panel installation is seen in Ruicheng County in central China’s Shanxi Province. As world leaders gather in Madrid to discuss how to slow the warming of the planet, a spotlight is falling on China, the top emitter of greenhouse gases. China burns about half the coal used globally each year. Yet it’s also the leading market for solar panels, wind turbines and electric vehicles. (AP Photo/Sam McNeil)

Negli ultimi tre anni, le emissioni cinesi di carbonio hanno ricominciato a salire, secondo il Global Carbon Budget. Questa tendenza è stata evidente nella prima metà del 2019, quando le emissioni cinesi di carbonio da combustibili fossili e produzione di calcestruzzo sono aumentate del 4%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo l’analisi preliminare di Myllyvirta sui dati del governo cinese.

 

Il prossimo inverno Pechino potrebbe vedere un ritorno dello smog prolungato, poiché le autorità allentano i controlli ambientali sull’industria pesante, in parte per compensare altri settori in rallentamento dell’economia. La produzione di cemento e acciaio rimane sia ad alta intensità energetica che fortemente inquinante.

 

I permessi per le nuove centrali a carbone sono proliferati dopo che l’autorità di regolamentazione è stata brevemente affidata da Pechino ai governi provinciali, che vedono i progetti di costruzione e le operazioni del carbone come un incentivo per le economie locali, ha affermato Ted Nace, direttore esecutivo di Global Energy Monitor.

 

“È come se un boa inghiottisse una giraffa, e ora stiamo guardando quel rigonfiamento che si muove attraverso il corpo”, ha detto Nace. In Cina, ci vogliono circa tre anni per costruire una centrale a carbone.

 

A novembre, il Premier Li Keqiang ha tenuto un discorso sottolineando l’importanza del carbone domestico per la sicurezza energetica. Ma poiché l’espansione cinese del carbone sta crescendo più rapidamente della domanda di energia, l’eccesso di capacità “è una seria preoccupazione ora”, ha dichiarato Tu della Columbia University. E una volta costruita una nuova infrastruttura, è difficile che non venga utilizzata. “Sarà politicamente difficile demolire una nuovissima centrale a carbone che impiega persone e sostiene un’operazione di estrazione. Ciò renderà più difficile la transizione della Cina dal carbone”, ha affermato Nace.

 

Il mondo si è già riscaldato di 1 grado Celsius. Tutti gli scenari previsti dal gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici per mantenere il riscaldamento planetario a circa 1,5 gradi Celsius comportano forti riduzioni a livello mondiale della generazione di carbonio.

 

In questo sforzo, altri Paesi si affidano alla Cina per fabbricare la maggior parte dei pannelli solari installati in tutto il mondo, secondo un’analisi della rivista Science, scritta da Jonas Nahm, esperta di energia alla Johns Hopkins University.

 

“Se abbiamo qualche possibilità di raggiungere gli obiettivi climatici, dobbiamo fare molto entro il 2030 – e non saremo in grado di farlo senza la catena di approvvigionamento di energia pulita della Cina”, ha detto Nahm. La produzione cinese ha contribuito a ridurre i costi dei pannelli solari dell’80% tra il 2008 e il 2013. Anche i prezzi per le turbine eoliche e le batterie agli ioni di litio sono diminuiti significativamente, secondo Bloomberg New Energy Finance. “La Cina ha un record davvero contrastante. Da un lato, ha visto aumentare rapidamente le emissioni negli ultimi due decenni”, ha detto Nahm. “D’altra parte, ha dimostrato di essere in grado di innovare nel settore manifatturiero e di rendere disponibili nuove tecnologie energetiche su larga scala, più velocemente e in maniera più conveniente”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.