7 Gennaio 2020

Ecco chi ha aiutato Carlos Ghosn a fuggire dal Giappone

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Di David Voreacos, Neil Weinberg, Greg Farrell (Fortune.com – Bloomberg)Carlos Ghosn ha condiviso il volo con cui è fuggito in gran segreto dal Giappone con una coppia di americani che hanno parecchia esperienza nel settore della sicurezza privata. Uno era un ex berretto verde che ha una grande esperienza nell’estrazione di ostaggi, ma che è anche andato in prigione per frode. La lista dei passeggeri del volo da Osaka a Istanbul non elenca Ghosn, ma include due passeggeri di nome Michael Taylor e George-Antoine Zayek, secondo fonti vicine alla vicenda.

Per Taylor, l’episodio Ghosn è stato l’ultimo in ordine cronologico di una carriera iniziata da paracadutista delle forze speciali prima di lavorare sotto copertura per le forze dell’ordine statunitensi e costruire uno studio specializzato in sicurezza con contratti in tutto il mondo. Sembra un personaggio, per quanto pubblico, relativamente oscuro, che si è trovato su entrambi i lati della legge.

Ghosn è volato in Libano, dove ha la cittadinanza. Il Paese non ha un trattato di estradizione con il Giappone, dove era fuori su cauzione in attesa di processo per frode finanziaria. L’ex capo della Nissan Motor ha dichiarato dal Libano di essere fuggito senza l’aiuto della sua famiglia. Citando una persona non identificata che ha familiarità con la questione, un report Dow Jones racconta che la squadra dietro l’estrazione era composta da 10-15 persone di diverse nazionalità. L’aeroporto di Kansai a Osaka è stato scelto come punto di uscita a causa di un ‘falla di sicurezza’ in quanto il terminal per i jet privati ​​era essenzialmente vuoto e gli scanner non erano abbastanza grandi per i bagagli di grandi dimensioni, afferma il rapporto. Il team ha fatto più di 20 viaggi in Giappone e ha visitato almeno 10 aeroporti mentre pianificava la fuga, si legge nel report.

Non è chiaro come Ghosn sia entrato in contatto con Taylor e Zayek – o se sono gli unici ad aver contribuito al suo drammatico viaggio. Ma i tre uomini condividono stretti legami con il Libano, dove Ghosn ha trascorso gran parte della sua infanzia. Si ritiene che Ghosn, 65 anni, e i due americani abbiano lasciato il Giappone il 29 dicembre a bordo di un jet charter che era gestito dalla turca MNG Holding. Il Wall Street Journal ha riportato per la prima volta i compagni di volo di Ghosn. Il New York Times ha riferito che Taylor e Ghosn si sono conosciuti grazie a intermediari libanesi mesi fa.

I dettagli cinematografici della vita di Taylor sono dettagliati in documenti giudiziari, articoli, libri e sul sito web della sua compagnia nell’area di Boston, American International Security Corp. A un certo punto, è stato assunto dal New York Times per lavorare a un caso di rapimento di un personaggio particolarmente in vista.

Dopo che il giornalista David Rohde è stato rapito in Afghanistan nel 2008, Taylor ha detto alla moglie di Rohde, Kristen Mulvihill, che avrebbe potuto organizzare un salvataggio senza riscatto, come aveva detto in precedenti casi. “Lo afferriamo e ce lo prendiamo”, aveva detto Taylor, secondo Mulvihill, che ha scritto un libro sul rapimento insieme proprio a suo marito. Rohde alla fine infatti fuggì senza aiuto.

Taylor, 59 anni, è nato a Staten Island, New York, e fu adottato da un patrigno che era un soldato ancora in attività. Dopo essersi diplomato al liceo nel Massachusetts, Taylor ha prestato servizio per quattro anni in un’unità delle forze speciali dell’esercito americano, paracadutandosi in punti scottanti da un’altezza di 12mila metri.

Andò per la prima volta a Beirut nel 1982, dopo l’assassinio del presidente eletto libanese e l’invasione israeliana. Ha aiutato ad addestrare le forze di combattimento libanesi e ha iniziato una “relazione permanente con la comunità cristiana in Libano”, secondo un memorandum di condanna del tribunale federale nello Utah, dove si è dichiarato colpevole più di sei anni fa. Incontrò sua moglie, Lamia, e la sposò nel 1985, prima di trasferirsi nella periferia di Boston e crescere tre figli. Taylor, che ha imparato l’arabo e ha sviluppato contatti in tutto il Libano e il Medio Oriente, ha prestato le sue abilità alle forze dell’ordine e alle agenzie di intelligence degli Stati Uniti.

Taylor è stato un riservista, cioè un militare solo saltuariamente operativo, per un decennio, ed è stato chiamato per la Guerra del Golfo nel 1991, ma non è stato in grado di schierarsi. Stava lavorando all’epoca come agente sotto copertura in un’indagine degli Stati Uniti sul traffico di hashish e sul riciclaggio di denaro nella Valle della Bekaa in Libano, secondo il promemoria del tribunale. L’operazione si è conclusa con il sequestro di tre tonnellate di hashish nel 1991.

Protezione personale

Taylor tornò quindi in Libano come appaltatore privato e addestrò le forze cristiane libanesi. Nel 1992, ha aiutato i funzionari degli Stati Uniti a indagare su un gruppo sospettato di fare banconote da 100 dollari contraffatte di alta qualità: secondo Taylor venivano “create da un gruppo di iraniani che avevano lavorato per lo scià prima della Rivoluzione iraniana nel 1979”, si legge nel memorandum.

Taylor ha lavorato per il governo degli Stati Uniti e clienti privati ​​come ABC, Delta Airlines e Disney on Ice. La sua ditta ha offerto protezione personale, impiegando ex militari, ex poliziotti e agenti dei servizi segreti in pensione. Il suo sito web dice che “siamo professionisti pronti alle emergenze, fornendo anche una forte presenza per scoraggiare qualsiasi potenziale stalking, attacco, furto o crimine commesso durante l’incarico”.

Essendo un agente segreto con molta esperienza, sa anche condividere le informazioni in base alle necessità. Contattata telefonicamente venerdì, la moglie di Taylor, Lamia, ha dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che suo marito abbia partecipato al volo di Ghosn dal Giappone. “Non lo so”, ha detto. Alla domanda se suo marito potesse venire al telefono o rispondere a una chiamata, ha detto che Taylor non era disponibile. “È fuori dal paese”, ha detto. Si sa molto meno di Zayek, che ha lavorato con la società di Taylor, secondo i profili e i documenti online, così come almeno un’altra società di sicurezza. Zayek fa anche parte di una famiglia di cristiani libanesi.

I guai con la legge

La ditta di Taylor si è assicurata 54 milioni di dollari in contratti del Pentagono, per un lavoro che ha compreso l’addestramento di forze speciali in Afghanistan, mostrano i documenti del tribunale. Nel 2010, lui e la sua ditta sono stati oggetto di un’indagine in Utah per frode contrattuale e riciclaggio di denaro. Taylor alla fine si è dichiarato colpevole di frode informatica ed è stato condannato a 24 mesi di carcere. Altri due uomini si sono dichiarati colpevoli, tra cui un veterano di 24 anni del Federal Bureau of Investigation che ha accettato tangenti nel tentativo di ostacolare le indagini della giuria. L’ex agente è stato condannato a 10 anni di carcere.

Taylor è stato precedentemente incriminato in Massachusetts con accuse tra cui intercettazioni illegali e dichiarato colpevole di un reato minore, hanno riferito i pubblici ministeri durante il suo caso federale. Dissero anche che aveva corrotto un agente federale in un’altra indagine che lo riguardava, sul suo racket del lavoro. “Dare soldi agli agenti federali non è una novità per Mr. Taylor”, ha dichiarato Maria Lerner, procuratore degli Stati Uniti, alla sua udienza di condanna nel 2015.

Al momento del suo arresto nel 2012, Taylor era “il protagonista e il collegamento critico in una delle operazioni DEA più importanti della storia”, secondo il suo memo di condanna, che riassume i dettagli dell’indagine. Il promemoria si riferiva, con Dea, alla Drug Enforcement Agency degli Stati Uniti. Dopo aver subito il sequestro di 5 milioni di dollari in beni aziendali, Taylor ha ricevuto 2 milioni dalle autorità e un rimborso fiscale. Ha iniziato a ricostruire la sua attività. Il suo lavoro ha incluso il salvataggio di bambini in rapimenti coniugali. Ora ha aggiunto l’ex dirigente della Nissan, i cui sostenitori credono che fosse vittima di un sistema giudiziario giapponese troppo severo contro gli imputati. Una madre ha elogiato Taylor per in una lettera indirizzata al giudice che l’ha poi condannato, per aver contribuito a garantire il rilascio della figlia rapita in Libano nel 1997. “So che la mia connessione con Michael non era solo lavoro”, scrisse la madre. “Il suo cuore e la sua anima lo hanno guidato passo dopo passo fino a fargli fare sempre la cosa giusta”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.