novanordisk
novanordisk 2
novanordisk 3
novanordisk 4
novanordisk 5
novonordisk 6
novonordisk 7
novonordisk 8
novonordisk 9
novonordisk 10
novonordisk 11
novonordisk 12
Novonordisk 13
novonordisk 14
novonordisk 15
novonordisk 16
Bristol

Coronavirus, la startup che adatta le maschere da sub

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Da Avellino a Brescia, la corsa del 3D per contribuire a salvare vite nella lotta al Coronavirus. 3DRap è una startup di Mercogliano, a pochi chilometri dalla città irpina, che ha prodotto degli adattatori per la trasformazione di mascherine da sub in mascherine da utilizzare per i pazienti in terapia intensiva, contagiati dal Coronavirus. Una trentina di stampanti in 3D per produrre le valvole per la riconversione, sostenendo lo sforzo della startup Isinnova, dell’ospedale di Chiari (provincia di Brescia) e di FabLab (Laboratorio di fabbricazione digitale) di Brescia, che hanno lavorato al progetto.

“Abbiamo deciso subito di dare il nostro supporto in questo momento drammatico per il Paese, anche grazie a UPS siamo riusciti a far arrivare 50 kit a Brescia”, spiega Domenico Orsi, co founder di 3DRap. La valvola riprodotta in 3D consente di collegare la mascherina ai tubi dei respiratori, per ingresso ed espulsione dell’ossigeno, con un circolo d’aria interno che porta aria allo stesso respiratore. L’adattatore può essere riprodotto anche da privati che dispongono di una stampante in 3D. “Purtroppo non disponiamo di un codice Ateco, quindi dopo il decreto del presidente del Consiglio del 25 marzo ci siamo fermati – aggiunge Orsi – ma stiamo fornendo informazioni a chi ci contatta dagli ospedali, anche campani. L’emergenza continua”.

Il percorso di 3DRap verso il mercato mondiale (con l’e-commerce è arrivata a spedire prodotti in 100 Paesi) parte quattro anni fa. Quattro ingegneri, idee a base di innovazione, impatto zero, riciclo, tecnologia. Si è partiti dalla produzione di materiale per le corse automobilistiche virtuali (Sim Racing, uno dei pezzi forti degli e-sports) realizzati con le stampanti 3D, interamente biodegradabili, da scarti agricoli e di ortaggi.

Dunque, produzione ecosostenibile, punto fermo anche nella diversificazione della produzione con il passaggio alla realizzazione di pezzi di ricambio per l’indotto dell’automotive. Materiale per la catena di montaggio, la clientela, da Maranello in su, è il top nel settore. “Eravamo sul punto di cambiare sede, sempre nell’avellinese, ora i lavori sono fermi”, aggiunge il co-founder della startup campana. Ora 3DRap mette a disposizione dei clienti la piattaforma online, Create, che permette di caricare un progetto in 3D, ottenendo in poco tempo un preventivo online gratuito e pure ’analisi di fattibilità.

bristol
INFRATEL
double for you 2
Microsoft Banner Articolo
dhl

Leggi anche

bristol
INFRATEL
double for you 2
Galapagos Rubrica
dhl
Bristol
BITPANDA
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora