29 Aprile 2020

Airbus ha perso 480 mln in tre mesi: “È la crisi peggiore di sempre”

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’intera industria aeronautica è stata duramente colpita dalla crisi del coronavirus, e molte compagnie aeree stanno lottando per la sopravvivenza, davanti a un’emergenza sanitaria che lascia poco margine di manovra all’industria dei trasporti aerei. Sintomatici, da questo punto di vista, sono i numeri registrati da Airbus.

 

Sono bastati tre mesi di emergenza sanitaria per colpire duramente il produttore europeo di aerei, gigante mondiale del settore. Airbus ha registrato una perdita di 481 milioni di euro (522 milioni di dollari) nel primo trimestre del 2020. L’anno scorso aveva registrato un utile di 40 mln di euro.

 

Il fatturato dell’azienda è sceso del 15 per cento a 10,6 miliardi di euro (11,5 miliardi di dollari) a causa delle interruzioni nella consegna degli aerei, ha dichiarato Airbus. Ha registrato un crollo del 49 per cento a 281 milioni di euro (304,7  milioni di dollari) nel primo trimestre del suo utile operativo rettificato.

 

Il capo di Airbus Guillaume Faury non ha fatto nuove previsioni di profitto per l’anno in corso a causa della durata ancora sconosciuta della pandemia e delle sue conseguenze economiche. Airbus aveva già annunciato un taglio della produzione di circa un terzo dei suoi jet passeggeri a causa della pandemia, poiché i clienti delle compagnie aeree hanno subito una massiccia riduzione dei viaggi aerei a causa della pandemia.

 

 

“Abbiamo avuto un solido inizio dell’anno sia a livello commerciale che industriale, ma stiamo rapidamente vedendo l’impatto della pandemia di COVID-19 che si sta verificando nei numeri”, ha dichiarato l’Amministratore delegato. “Siamo nel mezzo della crisi più grave che l’industria aerospaziale abbia mai conosciuto. Stiamo implementando una serie di misure per garantire il futuro di Airbus. Abbiamo iniziato presto rafforzando la liquidità disponibile per supportare la flessibilità finanziaria. Stiamo adattando i tassi di produzione degli aeromobili commerciali in linea con la domanda dei clienti e concentrandoci sul contenimento del contante e sulla nostra struttura dei costi a lungo termine per garantire che possiamo tornare alle normali operazioni una volta raggiunta una situazione migliore. In ogni momento, la salute e la sicurezza dei dipendenti di Airbus è la nostra massima priorità. Ora dobbiamo lavorare come industria per ripristinare la fiducia dei passeggeri nel trasporto aereo mentre impariamo a convivere con questa pandemia. Siamo concentrati sulla resilienza della nostra azienda per garantire la continuità aziendale”.

 

 

Alla fine di marzo 2020 sono state annunciate varie misure per proteggere la liquidità finanziaria della società e continuare a finanziare le operazioni. A fare le spese del Covid sono i dividendi, come sta succedendo per tante grandi realtà, e i dipendenti: 3200 di loro, nel sito gallese di Airbus, dovranno fare affidamento sul sostegno per la disoccupazione del Governo britannico. È stata prevista la garanzia di una nuova linea di credito per un importo di 15 miliardi di euro, la revoca della proposta di dividendo del 2019 e la sospensione della ricarica volontaria nel finanziamento delle pensioni. Inoltre, è stata emessa un’obbligazione da 2,5 miliardi di euro, che ha parzialmente compensato la linea di credito da 15 miliardi di euro, il 7 aprile 2020. Nei prossimi trimestri, la società ha fatto sapere che “continuerà a concentrarsi sulla conservazione della liquidità”, a ridurre le spese in conto capitale previste per il 2020 di circa 700 milioni di euro (arrivando a un totale di 1,9 miliardi). Le misure attivate comprendono anche il “differimento e la sospensione di attività che non sono fondamentali per la continuità aziendale e per rispettare gli impegni dei clienti e di conformità”.

airbus coronavirus covid19 trasporti aerei aereo

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.