Advertisement

4 Giugno 2020

Just eat: con il lockdown boom di food delivery in Italia

Antonio Santamato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’emergenza coronavirus ha evidenziato il valore strategico del digitale in moltissimi settori e l’importanza di strumenti e connessioni adeguate per la business continuity delle aziende, ma anche per la vita sociale delle persone. Tra i settori che più di tutti hanno evidenziato l’importanza del mondo online c’è sicuramente il food delivery, vista soprattutto la chiusura al pubblico dei ristoranti durante il lockdown. A fare un resoconto su questo tipo di servizio è stato l’Osservatorio di Just Eat, app leader per ordinare online pranzo e cena a domicilio, attivo dal 2016 sui temi del digital food delivery.

 

Secondo Just Eat, presente in Italia dal 2011 che oggi opera con oltre 14.500 ristoranti partner, sono molti i nuovi clienti che si sono avvicinati al servizio durante la fase più acuta dell’emergenza, dichiarando ad esempio di non aver mai ordinato digital food delivery prima (34% su un campione di 2.000 nuovi utenti). Di questi oltre il 60% pare non ne avesse mai sentito l’esigenza, guidata invece durante il periodo di chiusura, proprio dall’impossibilità di ritirare il cibo al ristorante, (44%) abitudine più che consolidata in Italia, ma anche dalla mancanza di voglia di cucinare (31%) e anche con l’idea di consumare un pranzo o una cena diversi dal solito (29%) o regalarsi una coccola (22%).

 

Cresce quindi l’uso del digitale per gli ordini di cibo a domicilio, soprattutto in relazione ai pagamenti digitali, preferiti dai nuovi utenti e in quota crescente del +36%, con una spesa superiore rispetto a quella che i clienti fanno mediamente con il contante, e portando al 70% del totale le transazioni in digitale, anche a causa di una riduzione del cash in termini di valori assoluti. Anche l’utilizzo dell’app per ordinare, rispetto al web, è aumentato, arrivando oggi al 77% di consumatori che la usano, un dato che posiziona l’Italia come primo Paese tra i 13 in cui è presente Just Eat sul fronte mobile – nel 2019 la quota era 75% mentre nel 2018 del 66%. Predominante è la quota di giovani che da sempre prediligono l’app rispetto al sito con una media del 75%.

 

“Il food delivery – dice a Fortune Italia Daniele Contini, Country Manager Just Eat Italia – rappresenta una leva strategica per tutti i locali che desiderano crescere e ampliare il proprio business, incrementando il numero dei clienti grazie al digitale, e integrando nuove possibilità e modalità di relazione con chi vuole provare esperienze food a casa sempre nuove e diverse in base al mood del giorno o ai momenti di condivisione che si vivono a casa. Con l’emergenza Covid-19, indubbiamente molti locali hanno compreso maggiormente il valore del digitale a supporto del loro business e si sono avvicinati al food delivery, potendo così rimanere in contatto con i clienti e continuare a offrire il proprio servizio. È infatti cresciuto il numero dei nostri partner negli ultimi mesi, e anno su anno di circa il +30%, arrivando a oltre 14.500 su tutto il territorio italiano, un dato che ci fa pensare che nei prossimi mesi vedremo un’ulteriore crescita e richiesta”.

 

L’uso degli strumenti digitali non cresce solo per i clienti che ordinano food delivery: anche il mondo della ristorazione ha scoperto modalità innovative di utilizzo del digitale, per esempio attraverso i social e con l’obiettivo di portare sempre più clienti sui canali online. Nuova, tra le altre cose, la possibilità di ordinare direttamente da Instagram attraverso il link al menù del ristorante. “Per scelta – continua Contini – abbiamo sempre spinto sul digitale sia dal punto di vista del servizio che dei pagamenti, ma l’emergenza ha dato una motivazione ancora più importante alle persone per l’utilizzo dell’app e dei digital payment, evidenziando quanto un utilizzo esteso del digitale lungo tutto il ciclo di vita del food delivery possa rappresentare un concreto valore aggiunto per clienti e ristoranti. La modalità di consegna contactless introdotta per garantire la sicurezza e rendere più veloci gli ordini nel corso dell’emergenza Covid-19, o nuove funzioni come quella di Instagram, hanno sicuramente contribuito ad aumentare l’uso del digitale, nei pagamenti come nelle abitudini di tutti i giorni. Il nostro obiettivo ora è proseguire questo percorso, continuando a contribuire all’evoluzione digitale in Italia”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.