Advertisement

30 Giugno 2020

Gli strani numeri (positivi) di Airbnb

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Jen Wieczner – Da quando la pandemia di Coronavirus ha costretto i turisti mondiali a rimanere a casa, i clienti di Airbnb hanno cancellato oltre 1 miliardo di dollari in prenotazioni. Il colosso degli affitti facili ha anche licenziato 1.900 dipendenti e posticipato la sua richiesta per la quotazione in Borsa. Nelle ultime settimane, tuttavia, con sorpresa della compagnia, le prenotazioni sono tornate, e Airbnb è ora sulla buona strada per fare più affari nel 2020 rispetto all’anno precedente, afferma l’amministratore delegato Brian Chesky sull’ultimo episodio di Leadership Next.

 

Tra la fine di marzo e l’inizio di giugno, Airbnb ha avuto più prenotazioni negli Stati Uniti rispetto allo stesso periodo del 2019 e potrebbe potenzialmente anche superare le sue aspettative originali, dice Chesky durante il podcast, intervistato da Alan Murray ed Ellen McGirt di Fortune. “Non abbiamo completamente recuperato, ma stiamo recuperando molto più velocemente di quanto chiunque di noi potesse immaginare”, afferma Chesky. “Siamo al di sopra del risultato dell’anno scorso e potremmo anche superare quelli che avevamo previsto prima del Covid”.
Tuttavia, Chesky è prudente, ed evita di festeggiare troppo presto. Ricorda che all’inizio della pandemia, molte persone si sono chieste se la società avesse un futuro a causa delle preoccupazioni sulla diffusione del coronavirus. “Non c’è ancora stato un ‘grande ritorno’. È troppo presto”, dice. “Potrebbe trattarsi di un picco sporadico di richieste. Non lo sappiamo”.

 

Finora, tuttavia, c’è motivo di essere ottimisti. “Posso dire che nessuno dei modelli a cui abbiamo lavorato, né quelli delle banche con cui collaboriamo, abbiano previsto una ripresa come questa già quest’anno, figuriamoci all’inizio di giugno”, aggiunge Chesky. “Ha superato ogni aspettativa”.

 

Airbnb aveva pianificato di presentare un’offerta pubblica iniziale per il 2020 il 31 marzo, dice Chesky a Murray e McGirt. Ma la società ha deciso posticipare la richiesta mentre la sua attività precipitava nella crisi, raccogliendo invece un miliardo di dollari, ad aprile, in finanziamenti in equity e sul debito. Nel frattempo anche la valutazione di mercato si è ridotta.
Ora, però, con il business che guarda in alto, Chesky pensa che una IPO potrebbe essere ancora sul tavolo per il 2020. “A questo punto posso dirvi che non ci impegneremo a diventare pubblici quest’anno, ma non lo stiamo assolutamente escludendo”, dice. “E ogni settimana, ogni mese che la ripresa è più forte, e che il mercato è più stabile, otteniamo più opzioni a disposizione. Quindi la questione è, davvero, quand’è che il mondo sarà pronto per noi?”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.