Advertisement

31 Agosto 2020

La ‘bolla’ di Tesla: non riuscirà mai a vendere abbastanza auto

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Shawn Tully – Non dovete sentirvi in colpa se non sapete cosa pensare dell’incredibile corsa di Tesla in Borsa e delle tante opinioni contrastanti sul fatto che possa continuare a correre. Il pubblico di questa gara da record si divide da sempre tra fan sfegatati, che acclamano la creatura di Elon Musk, e i fischi e le urla degli scettici dall’altra parte dello stadio.

 

 

Uno dei fan più importanti, Ron Baron, capo di uno dei principali azionisti di Tesla, Baron Capital, ha recentemente previsto che Tesla raggiungerà “vendite per almeno mille miliardi di dollari” nei prossimi 10 anni, mentre una legione di noti short-seller, tra cui Jim Chanos di Kynikos Associates, hanno cominciato a scommettere contro il produttore di auto elettriche quando le azioni erano molto più economiche. Ora Chanos rimane scettico, sottolineando che “Tesla non è un leader di mercato. Il vero prodotto di prim’ordine di Tesla è la narrativa”.

 

 

In effetti, l’aumento di valore di oltre nove volte delle azioni di Tesla da settembre 2019, che ha portato la sua valutazione da 45 a 417 mld di dollari (un anno concluso raddoppiando la valutazione di giugno, che era di 200 mld), si classifica come una delle performance più sbalorditive di sempre.

 

 

Ma per quanto sia glamour e di successo in Borsa, Tesla si muove comunque in un business ultra-competitivo, ad alta intensità di capitale e a crescita lenta: quello della costruzione e della vendita di automobili. Come abbiamo notato all’inizio di quest’anno, in un test alla cieca, la maggior parte degli investitori probabilmente esiterebbe davanti ai numeri di Tesla. Tesla viene pubblicizzata come un cavallo su cui assolutamente puntare, che corre in un settore che richiede, al contrario, estrema cautela.

 

 

Quindi ecco la domanda che le persone e i fondi che stanno valutando un investimento nel produttore di veicoli elettrici dovrebbero porsi: nei prossimi anni, qual è la valutazione che Tesla deve ottenere per ricompensarli per essersi assunti il pesante rischio di acquistare le sue azioni in questo momento? La risposta dipende in gran parte dal numero di veicoli elettrici che dovrà vendere in futuro e dal fatto che il raggiungimento di tali volumi sia lontanamente plausibile, considerando che almeno mezza dozzina di rivali con grandi progetti per i propri veicoli elettrici gareggeranno per gli stessi clienti.

 

 

La risposta breve è che, date le dimensioni attuali e la crescita prevista del settore, Tesla non può raggiungere un risultato soddisfacente. Dovrebbe mettere al volante un numero incredibilmente elevato di clienti. Non è che Tesla non possa avere successo. Ma la sua valutazione attuale da bolla di mercato impone prestazioni future che sembrano semplicemente irraggiungibili.

 

 

Come sempre, la massiccia capitalizzazione di mercato di un’azienda non ti dice quanto successo avrà in futuro, ma determina quanto successo dovrebbe avere per farti guadagnare. La valutazione stabilisce la velocità che un corridore deve raggiungere. Magari Tesla non rischia di precipitare, ma non riuscirà ad andare abbastanza bene da guadagnarsi nuovi investitori.

 

 

Siamo prudenti e supponiamo che un investitore voglia un rendimento annuo del 7% su Tesla. Non è affatto eccezionale se si soppesano il grande prezzo di partenza e le opinioni divergenti su come andranno le sue azioni. Supponiamo inoltre che Tesla non paghi dividendi e reinvesta tutti i suoi profitti per alimentare la crescita. In questo scenario, la sua valutazione dovrebbe raddoppiare in 10 anni, dagli attuali 417 mld di dollari a circa 834 mld di dollari entro il 2030.

 

 

Quanto dovrebbe guadagnare Tesla tra 10 anni per giustificare quella valutazione? Dipende dal suo rapporto utili per azione. È improbabile che qualsiasi grande casa automobilistica possa rimanere mantenere lo stesso successo dopo decenni nel settore, ma diamo a Tesla un generoso multiplo di 25 nel 2030, il che significa che gli investitori si aspettano ancora che aumenti a tassi migliori rispetto ai concorrenti del settore. In tal caso, Tesla avrebbe bisogno di registrare 26,4 mld di guadagni netti entro l’estate del 2030 (33,4 mld di dollari con le imposte).

 

Trasformiamoli in dollari del 2020, per confrontare meglio il numero con lo stato attuale di Tesla e del mercato. Con un’inflazione del 2%, 26,4 miliardi di dollari equivalgono a 21,64 miliardi di dollari di oggi. Un numero incredibile, considerando che Tesla ha registrato una perdita di 862 milioni di dollari nel 2019 e ha generato un modesto flusso di cassa di 799 milioni di dollari, una cifra 462 volte inferiore rispetto alla sua capitalizzazione di mercato.

 

 

Ma Tesla non è solo un’azienda automobilistica. Ottiene il 15% dei suoi ricavi dalla generazione e dallo stoccaggio di energia e dai servizi. Supponiamo che Tesla generi l’85% delle sue vendite e profitti dalle auto in futuro. In tal caso, questo profitto raggiungerebbe i 18,4 miliardi (85% di 21,64 miliardi) nella nostra road map decennale.

 

 

Ma quanto dovrebbero crescere le vendite di Tesla per generare 18,4 mld di dollari di profitti netti, misurati in dollari del 2020? Negli ultimi anni, i margini netti raccolti dalle principali case automobilistiche del mondo sono stati nella fascia media dell’8%, registrati da BMW e Toyota. Supponiamo che Tesla raggiunga un ‘net income to sales’ del 9%. Così i ricavi di Tesla nel 2030 sarebbero di 204 mld di dollari, ancora una volta, in dollari di oggi. Si tratta di circa tre quarti delle dimensioni delle entrate delle due maggiori case automobilistiche misurate in base alle entrate del 2019, VW ($ 280 miliardi) e Toyota ($ 275 miliardi). Sembra improbabile. L’anno scorso, Tesla ha registrato entrate per 24,6 miliardi di dollari. Per raggiungere i 204 miliardi di dollari entro il 2030, le sue vendite dovrebbero aumentare del 23% all’anno.

 

Oltretutto Tesla non è un fornitore di mercato di massa come VW e Toyota. La sua specialità sono i modelli costosi. Nel 2019, ha incassato in media 57.600 dollari per ogni auto che ha consegnato ai clienti. Quindi, con gli standard odierni, quale volume di auto vendute porterebbe Tesla all’obiettivo che abbiamo immaginato per il 2030? Ci vorrebbero vendite di 3,5 milioni di veicoli elettrici, ciascuno dei quali genererebbe 58.000 dollari, per raggiungere i 204 mld di vendite. È fattibile? I ricavi globali per l’intero universo delle auto di lusso nel 2019 sono stati di circa 650 miliardi di dollari. Quindi Tesla avrebbe bisogno di catturare il 31% del mercato totale. L’anno scorso, la sua quota (in dollari) era inferiore al 4%. L’intero settore è composto da meno di 10 milioni di veicoli, quindi Tesla venderebbe più di una su tre delle auto di prima fascia commerciate sulla Terra. Per essere più precisi, Tesla ha bisogno di conquistare un ulteriore quarto dell’intero mercato globale delle auto di lusso. Sono 25 punti di quota di mercato che giganti del calibro di Daimler e BMW perderebbero. Uno spostamento anche della metà di quella quota sembra impossibile, dal momento che questi rivali combatteranno Tesla per ogni punto abbassando i prezzi, migliorando le prestazioni stradali e aggiungendo funzionalità.

 

I fan di Tesla sostengono che la creatura di Musk gode di una grande ‘optionality’. Potrebbe generare grandi vendite e profitti al di fuori della vendita di auto fornendo batterie ad altre case automobilistiche o implementando nuove tecnologie. È importante notare, tuttavia, che la nostra analisi presume che anche il 15% delle attività non automobilistiche di Tesla crescerà a tassi giganteschi, il 20% in più in futuro. In caso contrario, Tesla avrà ancora più problemi a raggiungere gli obiettivi.

 

 

In un certo senso, la casa automobilistica sarà una vittima dei fan più entusiasti, che hanno fatto decollare il prezzo delle sue azioni. Il loro eccesso di ottimismo ha reso impossibile il profitto per gli investitori di oggi. Le azioni di Tesla potrebbero un giorno essere un buon affare, ma solo se subiranno una caduta sbalorditiva come la sua ascesa.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.