Advertisement

8 Settembre 2020

Il lungo lockdown di McDonald’s

Chiara Baldi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

I progetti per ripartire nei ristoranti italiani. La formazione e il ‘time out’ per i dipendenti. Abbiamo parlato con Massimiliano Maffioli, Chief people officer di McDonald’s Italia. La versione completa di questo articolo, a firma di Chiara Baldi, è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre 2020.

 

L’obiettivo è chiaro: “Lo sviluppo e la crescita delle nostre persone”. Massimiliano Maffioli, Chief people officer di McDonald’s Italia, non nasconde le difficoltà legate al periodo di lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus, ma guarda avanti. “Ogni anno eroghiamo 900 mila ore di formazione ai dipendenti dei nostri ristoranti e lo facciamo perché la crescita e lo sviluppo sono fondamentali”, spiega il manager, con cui abbiamo parlato del futuro delle risorse umane di McDonald’s Italia e del periodo appena trascorso.

 

Cosa ha significato per McDonald’s Italia il lockdown?

 

Se non vado errato, è la stata la prima volta che abbiamo chiuso per un periodo così lungo tutti i nostri 600 ristoranti della Penisola. Ci siamo focalizzati su tre concetti: la sicurezza, soprattutto quella dei nostri 24mila dipendenti la cui salute doveva essere tutelata e quindi quella dei clienti. La comunicazione è stato il secondo concetto su cui ci siamo concentrati: avendo in McDonald’s una popolazione mediamente giovane, abbiamo tanti studenti per cui era importante dare loro una prospettiva, per cui abbiamo fatto in modo che la comunicazione fosse costante. Infine, c’è stato il tema della gestione degli aspetti contrattuali: abbiamo anticipato la cassa integrazione per il 10% dei ristoranti – che sono la quota che gestiamo direttamente noi – e anche buona parte dei nostri licenziatari (che gestiscono il restante 90% dei locali) lo ha fatto. I nostri dipendenti hanno usufruito tutti del fondo di integrazione salariale (Fis) che, anche in questo caso, abbiamo deciso di anticipare noi.

 

 

La versione completa di questo articolo, a firma di Chiara Baldi, è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre 2020. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.