Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Alla ricerca di un Roi: come misurare il welfare aziendale

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
WELFARE

Anche il welfare aziendale richiede una misurazione economica. Il progetto di Fastweb e Mercer e l’index di Deloitte. La versione completa di questo articolo, a firma di Marco Barbieri (direttore wewelfare.it), è disponibile nell’inserto del numero di Fortune Italia di novembre 2020.

 

C’è un Roi per ogni spesa in azienda. Ma non è sempre facile definirlo e misurarlo. Viene alla mente il vecchio adagio della pubblicità, attribuito a una decina di manager e imprenditori del secolo scorso: “Metà di quello che spendo per l’advertising sono soldi buttati. Peccato che non sappia distinguere tra le due metà quella che è inutile”. Versione di Henry Ford. Il Return of investment (Roi) si addice a fattori tangibili. Diventa più scivoloso quando lo si cerca per la dimensione intangibile dell’impresa. Peccato che tanti fattori dell’impresa di oggi siano sempre più spesso intangibili. “Di sicuro non c’è un modello per un Roi del welfare aziendale. Anche per questo ci siamo voluti avventurare nella ricerca. Ed entro la fine di questo 2020 avremo qualcosa di definito”. Francesca Fossi, HR manager di Fastweb, ci pensa da qualche anno. Complice il lockdown – alla fine bisognerà ringraziare di avere avuto questa fermata obbligatoria, anche se nessuno vorrebbe un bis – ha deciso di procedere come un esploratore in ‘terra incognita’. Si è fatta accompagnare dalla società di consulenza aziendale Mercer, che già lavora con Fastweb per analisi sull’organizzazione e sulla compensation. “Ci conoscono già da un po’, chi meglio di loro avrebbe potuto avviare questa attività?”. Detto fatto. Il primo passo è stato compiuto con un faticoso ‘assessment’ sui benefit erogati dall’azienda e utilizzati dai dipendenti. Passo faticoso perché il ventaglio delle proposte di prestazioni/benefit nel piano di welfare aziendale nel corso degli ultimi anni si è fatto assai ampio. Classificare tutti i servizi, quotarli (quanto costa all’azienda erogarli?), misurarne il consumo (quanti dipendenti scelgono i diversi benefit?), pesare quanto cuba l’intero pacchetto benefit per l’azienda e quanto è valorizzato per il dipendente: ecco il compito.

 

 

La versione completa di questo articolo, a firma di Marco Barbieri (direttore wewelfare.it), è disponibile sul numero di Fortune Italia di novembre 2020.

 

L’inserto dedicato al welfare si può sfogliare online, gratuitamente.

 

Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

SAS ARTICOLO
SAS
Galapagos Rubrica
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
dhl
anima 2
data factor

I più letti