Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
FUJI

Eni annuncia una nuova scoperta a olio nell’offshore messicano

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Eni ha effettuato una nuova scoperta a olio nelle sequenze del Miocene Superiore del prospetto esplorativo denominato Sayulita, situato nelle acque medio-profonde del Blocco 10, nel bacino di Sureste, nell’offshore messicano.

Le stime preliminari – fa sapere – indicano che la nuova scoperta può contenere tra 150 e 200Mboe in posto. Il pozzo esplorativo Sayulita-1 EXP, che ha portato alla scoperta, è il settimo pozzo esplorativo di successo perforato da Eni Messico nel bacino di Sureste, ed è il secondo pozzo contrattuale del blocco. Si trova a circa 70km dalla costa, a circa 15km dalla precedente scoperta ad olio di Saasken, ed è stato perforato dall’impianto semisommergibile Valaris 8505 in 325 m di profondità d’acqua, raggiungendo una profondità complessiva di 1758 m ssl.

Sayulita-1 EXP, spiega ancora la società, ha incontrato mineralizzazione a olio di buona qualità nelle sequenze del Miocene Superiore con un pay netto complessivo di oltre 55 m. I reservoir sono sabbie con ottime proprietà petrofisiche. Sul pozzo è stata condotta una intensa campagna di acquisizione dati che indicano capacità produttive sino a circa 3.000 barili giorno. La Joint Venture del Blocco 10 è composta da Eni (Operatore, 65%), Lukoil (20%) e Capricorn, una consociata interamente controllata da Cairn Energy (15%).

Finanza Agevolata
Innova Finance
servier 3

Leggi anche

ttg
servier box 2
data factor
omron
pfizer

I più letti