WBF

Perché non è solo la piazza della Cgil

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
ferrovie 2022

Lo dice il leader Maurizio Landini parlando alla piazza: “Questa è una manifestazione che difende la democrazia di tutti”. L’antifascismo non è di proprietà della Cgil o di qualsiasi altra formazione politica o sindacale.

L’antifascismo è uno dei principi fondamentali intorno ai quali è stata costruita la Costituzione. Non è la rivendicazione di una parte ma una condizione indispensabile per la nascita e la crescita di qualsiasi democrazia. E la violenza di matrice neofascista, come quella che ha soffiato sulla protesta no green pass arrivando al clamoroso assalto alla Cgil di una settimana fa, va condannata a prescindere dalla collocazione politica.

Anzi, proprio Fdi e Lega avrebbero dovuto cogliere l’occasione di oggi per segnare una scelta di campo definitiva. Non si può stare dalla parte della democrazia continuando a coltivare un’ambiguità che può avere solo una presunta convenienza elettorale. Chiudere la porta a nostalgici, vetero, para o post fascisti, per usare le categorie citate da Giorgia Meloni, vuol dire assumersi la responsabilità di scelte nette e inequivocabili. Servirebbe solo una visione leggermente più lunga di quella che suggerisce di tenere comunque una porta aperta a un bacino di voti potenziali.

La linea di confine è sostanziale. Da una parte chi si riconosce nella Costituzione, con idee diverse da destra a sinistra, dall’altra chi sceglie di restare fuori dall’arco costituzionale, come le forze dichiaratamente neofasciste, che vanno sciolte come prevede la legge.

WBF

Leggi anche

WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.