CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

Tech, meno assunzioni e più licenziamenti in vista

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Il boom delle assunzioni registrate nel settore tecnologico sembra rallentare. Il settore ha dimostrato di essere straordinariamente resiliente durante la pandemia, registrando una crescita e risultati migliori rispetto alla maggior parte degli altri settori. Ma sembra che qualcosa stia cambiando.

Il Ceo di Uber Dara Khosrowshahi ha detto ai dipendenti durante il fine settimana che la società avrebbe iniziato a considerare le assunzioni “come un privilegio“. Anche altre società, inclusa la società madre di Facebook, Meta, hanno rallentato le assunzioni. Netflix e Robinhood sono arrivate ​​al punto di iniziare a licenziare i dipendenti.

I guadagni volatili delle big tech hanno portato a conseguenze pesanti sui prezzi delle azioni. Gli investitori stanno continuando l’esodo dai titoli tecnologici iniziato il mese scorso. Il Nasdaq, che ha una forte presenza di aziende tecnologiche, è in calo del 30% rispetto a dicembre.

Se le aziende tecnologiche stanno stringendo la cinghia delle assunzioni, questo potrebbe significare che la crescita dei posti di lavoro negli Stati Uniti negli ultimi mesi sta per iniziare a frenare?

Gli ultimi numeri delle assunzioni mostrano che il mercato del lavoro è ancora molto resistente.

Gli Stati Uniti hanno aggiunto 431mila nuovi posti di lavoro ad aprile, secondo l’ultimo rapporto sull’occupazione del Dipartimento del lavoro, sfidando le prime previsioni che stimavano il numero di nuovi posti di lavoro a circa 400mila.

Ma a causa dell’inflazione alle stelle, la Federal Reserve ha progressivamente aumentato i tassi di interesse, aumentando i costi di finanziamento. Molti esperti e analisti hanno avvertito dell’arrivo di un’imminente recessione. Ciò potrebbe potenzialmente porre fine alle cosiddette grandi dimissioni che hanno visto gli americani lasciare il lavoro in massa.

“Questo è il momento di trarre vantaggio da un mercato del lavoro così mobile, per i lavoratori, perché non vi è alcuna garanzia che queste condizioni persisteranno”, ha detto alla Cnbc Daniel Zhao, senior economist di Glassdoor, la scorsa settimana.

Il rallentamento dell’industria tecnologica

Il gigante del car sharing Uber è l’ultima di diverse società tecnologiche ad annunciare pratiche di assunzione più conservatrici e selettive che vanno avanti man mano che le prospettive commerciali dell’azienda cambiano.

Khosrowshahi ha affermato che il rallentamento delle assunzioni è una risposta a un “cambiamento sismico” nel mercato. Non ha escluso la possibilità di licenziamenti, pratica che Uber non ha evitato in passato.

Ma Uber è solo l’ultimo gigante del settore tecnologico a rallentare le assunzioni.

Meta ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe interrotto o rallentato le assunzioni per la maggior parte dei ruoli di medio e alto livello nella società. L’annuncio è arrivato quando Meta ha registrato ricavi inferiori alle attese nel suo rapporto sugli utili trimestrali pubblicato a fine aprile, dal quale emerge, inoltre, che ha avuto quasi 3 mld di dollari di perdite per quanto riguarda il business sul metaverso della sua società Reality Labs.

Diverse società tecnologiche hanno avuto rendimenti altrettanto deludenti nei loro rapporti del primo trimestre e alcune sono arrivate al punto di annunciare grandi licenziamenti.

Il 26 aprile, l’app di brokeraggio Robinhood ha dichiarato che avrebbe tagliato il 9% della sua forza lavoro, dopo che il personale dell’azienda è cresciuto da circa 700 dipendenti nel 2019, arrivando a 3.800 alla fine del 2021.

Il gigante dello streaming Netflix ha licenziato dozzine di dipendenti dal suo nuovissimo sito editoriale Tudum alla fine di aprile, pochi mesi dopo aver firmato una serie di assunzioni per la costruzione del sito. I licenziamenti si sono verificati poco dopo che le azioni della società sono crollate, dopo l’annuncio della perdita di 200mila abbonati nell’ultimo trimestre.

La crisi sta raggiungendo il tech

La maggior parte delle aziende tecnologiche che hanno affermato che rallenteranno le assunzioni o inizieranno a licenziare hanno una cosa in comune: hanno tutte notato un enorme cambiamento nel mercato, poiché le flessioni delle azioni tecnologiche nei primi mesi del 2022 hanno portato a perdite cumulative di 17 mld di dollari per le aziende tecnologiche.

Ci sono ragioni per cui i tagli potrebbero colpire la tecnologia in modo particolarmente duro.

Le aziende tecnologiche sono cresciute a un ritmo sorprendente durante la pandemia, poiché molte persone sono rimaste bloccate a casa e la domanda di prodotti come giochi, telefoni, servizi cloud e abbonamenti digitali è aumentata vertiginosamente. Man mano che le persone iniziano a uscire dalle loro case, queste tendenze stanno cambiando.

Ma fattori come tassi di interesse più elevati e timori di recessione potrebbero interessare anche altri settori. E in tempi di incertezza economica, il passaggio da un lavoro all’altro e l’alto turnover dei dipendenti potrebbero diventare fenomeni appartenenti al passato.

Un rapporto di maggio del Peterson institute for international economics ha rilevato che le retribuzioni orarie quest’anno sono aumentate molto meno rispetto al 2021, portando i ricercatori a scrivere che se questa tendenza dovesse continuare, “indicherebbe che i mercati del lavoro potrebbero essere considerevolmente più stabili di quanto precedentemente stimato, riducendo così la pressione di fondo sull’inflazione”.

Il numero di americani disposti a lasciare il lavoro sta già diminuendo rispetto ai massimi dell’era della pandemia. Si prevede che circa 37 milioni di persone lasceranno il lavoro nel 2022, secondo un sondaggio di aprile della società di ricerca Gartner, un forte calo rispetto ai 47 milioni che lo hanno fatto lo scorso anno.

Non è chiaro se le nuove pratiche di assunzione delle aziende tecnologiche quest’anno significhino che il mercato del lavoro sia pronto a un raffreddamento. Ma una prospettiva economica incerta e titoli in caduta libera suggeriscono che le abbondanti opportunità di lavoro disponibili durante la ‘Great resignation’ potrebbero essere finite.

L’articolo originale è su Fortune.com.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.