WBF

Una settimana da incubo: i motivi del crollo delle criptovalute

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
defi blockchain crypto
Enel 2022

Ormai, qualsiasi investitore che segua il mondo delle criptovalute sa che il mercato è crollato questa settimana. L’unica domanda da farsi è: perché? La verità è che non esiste una risposta semplice, anche se la colpa potrebbe essere di una manciata di fattori.

L’aumento dell’inflazione, gli aumenti dei tassi di interesse e l’instabilità geopolitica causati dalla guerra in Ucraina potrebbero essere in parte responsabili, ha detto questa settimana a Fortune Alkesh Shah, global strategist delle criptovalute e delle risorse digitali della Bank of America.

Questi fattori hanno creato forti venti contrari per le criptovalute. I prezzi al consumo sono aumentati più lentamente ad aprile rispetto al mese precedente, ma comunque più velocemente di quanto gli economisti si aspettassero. La Fed ha aumentato i tassi di interesse di mezzo punto percentuale questo mese, la prima volta in 22 anni. E in Ucraina, la Russia non mostra segni di voler fermare la sua invasione.

Di conseguenza, questa settimana le criptovalute sono crollate, con 200 miliardi di dollari di valore cancellati in sole 24 ore, giovedì. Bitcoin, che rappresenta circa il 44% del mercato delle criptovalute, è sceso al minimo di 90 giorni di 26.350 dollari. Sebbene la criptovaluta sia tornata a circa 30.000 venerdì, è comunque scesa del 15% in una settimana e di oltre il 56% dal suo massimo di novembre di 69.000 dollari, secondo CoinMarketCap.

Un altro fattore che pesa sulle criptovalute è la sua correlazione con il mercato azionario, che a sua volta è crollato di recente. Sebbene sia stato a lungo propagandato dai sostenitori come una copertura contro l’inflazione, Bitcoin si sta comportando più come un asset di rischio, hanno scritto gli analisti della Bank of America all’inizio di questo mese. Bitcoin, la più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato, è molto meno correlata all’oro, la riserva di valore più importante, di quanto non lo sia all’S&P 500 e al Nasdaq ad alto contenuto tecnologico.

Poiché le criptovalute si muovono molto più come un titolo tecnologico che come un bene ben protetto dall’inflazione, quando i titoli tecnologici crollano, lo fanno anche gli asset digitali. I titoli tecnologici hanno iniziato la settimana malissimo, con il Nasdaq che ha chiuso in ribasso del 4% lunedì per poi chiudere di un altro -3% mercoledì, prima di recuperare terreno venerdì pomeriggio. Questa settimana, il Dow è sceso di oltre il 2%, l’S&P 500 è crollato del 2,5% e il Nasdaq è sceso del 3%.

Una fonte di incertezza per gli investitori sulle criptovalute è stata il crollo all’inizio di questa settimana di TerraUSD (UST), una stablecoin molto importante. La cosiddetta ‘stablecoin algoritmica’ ha creato un cratere nel mondo delle criptovalute quando è scesa ben al di sotto del suo ancoraggio, teoricamente fissato al dollaro USA. Lo scopo della stablecoin, e di altre simili, era offrire un rifugio sicuro agli investitori che cercavano di evitare le fluttuazioni di altre criptovalute come Bitcoin ed Ether, mantenendo un valore costante, indipendentemente dalle condizioni di mercato.

In questo caso, UST ha perso quell’ancoraggio e ha scambiato fino a un minimo di 13 centesimi, venerdì, dopo una settimana di turbolenze. Nel frattempo, Luna, la sua criptovaluta sorella, è diventata quasi inutile dall’oggi al domani, dopo essere stata scambiata per 80 dollari una settimana prima. Quando gli investitori hanno visto cadere la stablecoin, si sono affrettati a ritirare i loro soldi. I principali exchange di criptovalute alla fine hanno tolto sia Luna che UST per proteggere i consumatori.

Sebbene alcuni analisti abbiano detto agli investitori di mantenere la rotta, altri hanno descritto il crollo come una tappa importante della storia crypto. Un nuovo rapporto della Bank of America Research afferma che è stata la peggiore implosione dal maggio 2021 e che è all’altezza sia della crisi finanziaria del 2008 che del crollo delle dotcom nel 2000.

L’articolo originale è su Fortune.com

WBF

Leggi anche

WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.