TIM
POSTE header

La geografia del nuovo Parlamento, le donne solo un terzo

Aula della Camera
Teva banner articolo
Aboca banner articolo

Nonostante il Rosatellum abbia rigide quote rosa – con le candidature femminili al 50% – le donne elette domenica saranno meno del 35% degli inquilini del nuovo Parlamento: colpa delle pluricandidature, usate in particolare dal partito che ha ottenuto più voti, cioè Fdi.

Il partito guidato da Giorgia Meloni ha utilizzato questo strumento soprattutto a favore delle proprie candidate ma l’effetto e’ stato di premiare i candidati maschi che gli subentrano. E’ quanto emerge dai dati forniti dall’Ufficio elettorale nazionale della Cassazione, in attesa di quelli definitivi che arriveranno nei prossimi giorni. Da essi inoltre emerge con piu’ chiarezza la geografia parlamentare dei diversi partiti, con un dato inaspettato alla vigilia: Fdi e’ il partito del Nord, mentre Fi e Lega si sono meridionalizzati. Oggi è proseguita la polemica sulle poche donne elette.

Il ministro per le Pari opportunita’ Elena Bonetti (Iv) ha fornito una statistica ufficiosa, rivendicando al Terzo Polo il record delle donne elette, il 46%. Seguono M5s con il 45%, il Pd e l’ Alleanza Verdi e Sinistra al 31%, Fi e Fdi al 30% e Lega al 29%. Tra i Dem Simona Malpezzi, Alessia Morani e Loredana Capone hanno nuovamente criticato i dirigenti maschi del proprio partito per aver portato poche donne nelle Camere, candidandole in collegi difficili. La media generale e’ abbassata dal centrodestra (che ha il maggior numero di eletti) a causa delle eccessive pluricandidature. Rimanendo al solo partito che ha più parlamentari, cioè Fdi, la candidatura di Giorgia Meloni in un uninominale in Abruzzo (dove e’ stata eletta) e come capolista in cinque liste proporzionali, fa scattare in queste ultime i secondi in lista, cioè cinque uomini, per la regola dell’alternanza uomo/donna prevista dal Rosatellum.

Ma le candidate messe in più collegi sono state molte (solo alla Camera Cristina Caretta, Paola Frassinetti, Chiara La Porta, Ylenia Lucaselli, Augusta Montaruli, Marta Schifone, Wanda Ferro, Carolina Varchi, Chiara Colosimo, Monica Ciaburro) sicche’ sui 69 eletti nel proporzionale le donne, in prima battuta 33, crollano a 13, che salgono a 16 solo grazie alle 3 donne che subentrano a tre candidati uomini capolista in altrettanti collegi proporzionali (Giovanni Donzelli, Tommaso Foti e Francesco Lollobrigida).

La pluricandidatura di Silvio Berlusconi in Senato in quattro collegi, fa entrare per contro a Palazzo Madama altrettante senatrici, visto che il Cavaliere e’ eletto all’uninominale di Monza. Guardando invece la geografia degli eletti, viene confermata l’impressione di Fdi come nuovo partito del Nord. Dei 69 eletti alla Camera nella parte proporzionale, oltre la meta’, 35, arrivano dalle Regioni settentrionali, 13 da quelle del Centro(Toscana, Marche, Umbria, Lazio), 14 da quelle del Sud e 7 dalle Isole.

Dei 23 della Lega eletti col proporzionale 15 vengono dal Nord, (ma nessun eletto in Trentino, che governa con Fugatti), 4 dal Centro, 3 dal Sud e 1 dalle Isole.

Decisamente piu’ sudista Fi, che ha subito lo choc di non eleggere nessuno in alcune Regioni del Nord (Trentino, Friuli e Liguria) e uno solo a Milano; dei 22 deputati eletti nel proporzionale, 9 vengono dalle Regioni settentrionali, 4 dal Centro, 6 dal Sud e 3 dalle Isole. Si e’ invece ulteriormente settentrionalizzato il Pd che ha eletto nel proporzionale 28 dei suoi 57 deputati al Nord, 14 al Centro, 10 al Sud e 5 tra Sicilia e Sardegna.

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.