TIM
POSTE header

La Fed frena sul rialzo dei tassi, in Europa recessione debole nel 2023

Poste banner articolo
Aboca banner articolo

La Fed rallenterà la velocità dei rialzi dei tassi di interesse. Resta l’impegno a riportare l’inflazione al 2%, ma la banca centrale americana frenerà la campagna di aumenti del costo del denaro. Una delle più aggressive campane dagli anni 1980 per combattere un caro prezzi schizzato ai massimi da 40 anni.

I verbali della riunione dell’1 e 2 novembre spianano la strada a una stretta dello 0,50% in dicembre, e certificano la possibilità di una recessione il prossimo anno. Le chance che si verifichi sono al 50%. L’economia americana ha finora tenuto all’ondata di rialzi della Fed, ma gli ultimi dati macroeconomici iniziano a indicare un rallentamento. Fra questi l’indice Pmi composto calato in novembre per il quinto mese. 

In Europa invece è salito a sorpresa, segnalando come una recessione nell’area euro potrebbe essere meno grave del previsto grazie al raffreddamento dell’inflazione. Secondo gli economisti l’economia globale è rallentata nel 2022 ma non tanto quanto le previsioni, e questo potrebbe indicare che il mondo potrebbe essere in grado di evitare una profonda battuta d’arresto nel 2023. Gli Stati Uniti e l’Unione Europea “probabilmente sperimenteranno una recessione breve e non terribile” il prossimo anno, tornando “alla crescita già nel quarto trimestre del 2023”, afferma Adam Posen, il presidente del Peterson Institute for International Economics, con il Wall Street Journal. 

Sulle previsioni però ci sono molte incertezze: dalla guerra in Ucraina alla Cina che, nella sua battaglia contro il Covid, potrebbe rimporre misure draconiane. Misure che in qualche modo già si intravedono. Con i suoi sei rialzi dall’inizio dell’anno, di quattro dello 0,75%, la Fed ritiene però di aver messo al sicuro l’economia americana dai maggiori rischi dell’inflazione. Anche se i rialzi infatti proseguiranno non dovrebbero più esserci, almeno di sorprese, ritocchi da 75 punti base.

 “Una maggioranza sostanziale dei partecipanti ritiene che un rallentamento della velocità dei rialzi potrebbe essere presto appropriato”, afferma la Fed nei verbali dell’ultima riunione mettendo in evidenza come una frenata consentirà di valutare nel dettaglio gli effetti delle decisioni di politica monetaria sull’economia. Ma anche di contenere i rischi alla stabilità finanziaria. “Una velocità ridotta ci consentirà di valutare meglio i progressi verso il raggiungimento dei nostri obiettivi della massima occupazione e della stabilità dei prezzi”, osserva la banca centrale americana.

Convinta della necessità di continuare ad alzare i tassi di interesse è anche la Bce. “Ci aspettiamo di alzarli ulteriormente”, ha detto il presidente dell’Europtower Christine Lagarde nelle ultime settimane, ribadendo come il costo del denaro salirà fino a livello in grado di riportare l’inflazione “al nostro obiettivo di medio termine in modo tempestivo”. Quanto velocemente e fino a che livello “sara’ determinato dalle prospettive dell’inflazione”. 

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

TIM sidebar
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.