Casamicciola, il Governo dichiara lo stato d’emergenza: stanziati subito 2 mln di euro 

giorgia meloni governo
Poste banner articolo
Aboca banner articolo

A Casamicciola si continua a scavare nel fango sulla collina e a perlustrare con motovedette e sommozzatori il tratto di mare davanti al porto. Si cercano i corpi di possibili vittime. Al momento sono tre i cadaveri recuperati, altre dieci persone sono state dichiarare ufficialmente disperse. Questo può significare solo una cosa: il bilancio di sangue (tre morti) è destinato a diventare ancora più pesante.

Nelle stesse ore a Roma, a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni ha convocato “il Consiglio dei ministri” e “su proposta del ministro per la Protezione civile”, è stato dichiarato subito “lo stato di emergenza”. Tra qualche ora ci sarà l’ordinanza del capo della Protezione civile.

Come Casamicciola, 130 eventi estremi in un anno

La premier Meloni ha disposto un primo stanziamento di 2 milioni di euro per Casamicciola. L’annuncio delle prime decisioni è del ministro per il Sud, Nello Musumeci.

Al primo stanziamento di 2 milioni di euro, il ministro Musumeci ha aggiunto che “seguiranno altri stanziamenti non appena avremo una ricognizione dei danni e delle esigenze immediate. Diverso il ragionamento sul piano di ricostruzione che riguarderà strutture pubbliche e private”. Altra decisione importante del Governo: entro l’anno sarà approvato il ‘Piano nazionale di adattamento al cambiamento climatico’. 

Bomba d’acqua e colate di fango su Casamicciola: morti, dispersi e distruzione

“I ministri competenti – si legge in un comunicato di Palazzo Chigi – effettueranno una attenta ricognizione delle risorse finanziarie già esistenti per fronteggiare l’emergenza idrogeologica nazionale al fine di utilizzarle per intero, e del personale da dedicare a supporto dei Comuni, a cominciare dai più piccoli”.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.