7 Aprile 2018

Neo presidente Costa Rica: “Stop al petrolio”

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il neo presidente del Costa Rica, Carlos Alvarado Quesada, eletto domenica scorsa al ballottaggio, ha promesso domenica sera per il suo paese “l’emancipazione dal petrolio e dal diesel nel sistema dei trasporti, sostituendoli con energia pulita”. Lo riferisce il sito ambientalista BusinessGreen. Alvarado, 38 anni, di centrosinistra, era il ministro del Lavoro del governo uscente, del Partito d’azione dei cittadini. Con una popolazione di 5 milioni, il Costa Rica ha quasi il 100% di elettricità prodotta da fonti rinnovabili o a basse emissioni di CO2. Nel 2017 è riuscito a fare a meno dell’elettricità da fonti fossili per 300 giorni. In campagna elettorale Alvarado Quesada ha promesso di elettrificare i treni diesel, promuovere la ricerca e lo sviluppo di idrogeno e biocarburanti (riconvertendo le raffinerie statali) e firmare una legge che metta al bando nel paese le trivellazioni per petrolio e gas. Lo scorso anno il Congresso del Costa Rica ha varato un pacchetto di incentivi per promuovere la mobilità elettrica, comprese tasse più basse per i veicoli elettrici, più stazioni di ricarica e un impegno a rendere elettrica una parte della flotta dei mezzi pubblici.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.