2 Luglio 2018

Borsa: male Milano, pesa la guerra dei dazi

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Giornata negativa a Milano, per gran parte della seduta la peggiore in Europa. In chiusura, invece, ha fatto peggio Londra, cedendo l’1,17% mentre Milano ha perso lo 0,92 per cento. Sui mercati hanno pesato i timori per la guerra dei dazi fra Stati Uniti e Cina e per la crisi di governo in Germania (la Borsa di Francoforte ha perso lo 0,55%). In Piazza Affari il titolo peggiore è stato Recordati, che ha lascito sul terreno il 12,45% scambiata a 29,82 euro. Le azioni si stanno allineando al prezzo dell’opa lanciata dal fondo Cvc (28 euro). Male Fincantieri (-7,45%). Secondo alcune indiscrezioni, gli investitori temono che le frizioni fra Francia e Italia possano riflettersi sugli accordi con Stx. In perdita Mediaset (-3,65%), in calo da venerdì dopo un report di Morgan Stanley e non aiutata dall’auspicio del vicepremier Luigi Di Maio di una ‘Netflix italiana’. Bene Banco Bpm (+0,84%) e Unipolsai (+0,4%). Piatta Fca: a Borsa chiusa è uscito il dato sul calo delle vendite a giugno in Italia.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.