Panama Papers, Deutsche Bank e riciclaggio/Riepilogo

di Bloomberg – Deutsche Bank al centro di uno scandalo di riciclaggio. La settimana scorsa, 170 funzionari delle forze dell’ordine si sono presentati nella banca tedesca per un raid in relazione al sospetto di riciclaggio di denaro. Le immagini delle luci lampeggianti allineate di fronte alla sede centrale della banca di Francoforte hanno mandato il prezzo delle azioni al minimo storico. Ecco cosa sappiamo finora.

Quali sono le accuse?

I procuratori di Francoforte, che sono incaricati dell’inchiesta, sostengono che Deutsche Bank ha aiutato i clienti a creare società in paradisi fiscali e che non ha denunciato alle autorità che i clienti usavano i propri conti per trasferire denaro da fonti illecite. Le accuse riguardano il periodo dal 2013 al 2018, secondo una dichiarazione pubblicata da Deutsche Bank. Il caso dei pubblici ministeri si basa sulla valutazione di un gran numero di documenti, comunemente noti come Panama Papers, che sono stati divulgati alla stampa nel 2015 e per la prima volta riportati nel 2016.

Chi sono gli obiettivi?

Al centro dell’indagine due impiegati della Deutsche Bank, dei quali si sa solo che hanno un’età di 50 e 46 anni, nonché altri la cui identità è ancora sconosciuta, secondo la dichiarazione dei pubblici ministeri. Uno dei due sospetti lavora nell’unità per i crimini finanziari della banca, l’altro nella divisione privati, ha detto una fonte. Nessun attuale o ex membro del consiglio di amministrazione è tra i sospettati, ha detto la banca il 30 novembre. L’amministratore delegato Christian Sewing ha dichiarato in un’intervista a un quotidiano tedesco che la banca, con i suoi supervisori, aveva già indagato sulle questioni sollevate dai Panama Papers e aveva appurato che la questione fosse chiusa.

Nel 2016, Deutsche Bank ha interrotto i legami con un prestatore cipriota nominato nei Panama Papers e che è stato identificato dai media come l’organizzatore di ben 2 miliardi di dollari di transazioni offshore collegate a persone associate al presidente russo Vladimir Putin. Quell’anno, Deutsche Bank faceva parte della dozzina di banche alle quali il regolamentatore bancario di New York ha chiesto di consegnare informazioni sui loro contatti con uno studio legale panamense che aiutava la registrazione di decine di migliaia di società di comodo. Le banche non sono state accusate di aver commesso un illecito.

Quale unità è stata coinvolta?

L’unità di Deutsche Bank al centro delle indagini della scorsa settimana si chiama Deutsche Bank Global Trust Solutions, parte dell’attività di private wealth della banca. Aveva una filiale delle Isole Vergini britanniche chiamata Regula Limited. I pubblici ministeri affermano che lì un’azienda della Deutsche Bank ha avuto oltre 900 clienti e gestiva un fondo di 311 milioni di euro (353 milioni di dollari) nel 2016.

Deutsche Bank ha venduto la Global Trust Solutions alla banca delle Bahamas N.T Butterfield & Son Ltd nel marzo di quest’anno. Il responsabile globale della gestione patrimoniale di Deutsche Bank, Fabrizio Campelli, al momento della vendita, ha dichiarato che la mossa è stata un passo verso la semplificazione del business e ha rappresentato un focus su mercati come l’Asia, gli Stati Uniti e il Regno Unito. I termini dell’accordo non sono stati rivelati.

Che cosa significa per Deutsche Bank?

Nella migliore delle ipotesi, è un altro colpo al morale per la banca e una spiacevole distrazione per il suo Ceo. Appena un giorno prima delle perquisizioni, Sewing ha fatto un discorso di incoraggiamento ad un raduno annuale di dirigenti, un discorso che alcuni hanno descritto come ottimista. Ma le immagini di decine di auto della polizia di fronte agli uffici della banca hanno rapidamente vanificato ogni ottimismo e hanno spinto il prezzo delle azioni brevemente sotto gli 8 euro per la prima volta.

Nel peggiore dei casi, potrebbe esporre la banca a una pesante multa e ad altre pene normative e persino mettere alcuni dirigenti a rischio di contenzioso. Al momento, non ci sono indicazioni che accadrà. Una revisione dei Panama Papers ha mostrato che le 11 banche tedesche controllate avevano “ampiamente” rispettato le attuali norme sul riciclaggio di denaro, ha detto Felix Hufeld, il capo del regolamentatore finanziario tedesco Bafin, a gennaio.

Cosa accadrà ora?

I pubblici ministeri hanno dichiarato di aver fatto “progressi molto rapidi e molto buoni” durante i raid e Deutsche Bank ha detto che sta cooperando “in modo completo”. I procuratori hanno in programma di incontrare gli avvocati di Deutsche Bank venerdì per i colloqui sui loro risultati iniziali e su eventuali ulteriori informazioni. Tuttavia, la revisione dei documenti raccolti nelle perquisizioni potrebbe richiedere diversi mesi.

La prossima cosa da guardare è la ricaduta sul consiglio di amministrazione di Deutsche Bank. La banca, che è stata anche esaminata nelle scorse settimane per il suo ruolo in uno scandalo di denaro sporco alla Danske Bank A/S, stava prendendo in considerazione la possibilità di sostituire la responsabile delle regolamentazioni Sylvie Matherat anche prima degli ultimi sviluppi. La banca è stata a lungo sotto i riflettori per le mancanze nei controlli sul riciclaggio di denaro sporco – che rientrano in una unità guidata da Matherat – e le perquisizioni certamente non aiutano. Il consiglio di sorveglianza di Deutsche Bank è previsto per giovedì.