1 Marzo 2019

Fincantieri, Le Maire: fusione con Stx si farà

Attilia Burke

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La fusione tra Stx e Fincantieri “si farà”: lo ha detto il ministro francese dell’Economia, Bruno Le Maire, durante il forum economico franco-italiano di Versailles, vicino Parigi. A controbilanciare la tensione Italia-Francia che si respira sullo sfondo della Tav, la forte volontà di collaborare su questo altro fronte. Un tema caldo anche per le discussioni nel governo sulla conferma dell’amministratore delegato Giuseppe Bono. I dubbi sollevati soprattutto nella componente Cinquestelle, sembrano definitivamente fugati, dopo l’intervento di aperto sostegno all’Ad da parte di Matteo Salvini.

Bono ha puntualizzato: “io nella mia vita non sono mai andato a caccia di poltrone né di stipendi. A me piace fare questo lavoro e se non lo posso fare in Italia lo andrei a fare da un’altra parte”. Ma “vorrei portare a termine un certo lavoro che ho in testa”, ha aggiunto Bono. “Credo di avere dimostrato finora di averlo fatto non per interesse personale, ma del Paese”. “Finché la Fincantieri era quella di 20 anni fa – ha ricordato l’amministratore delegato di Fincantieri – non ci voleva venire nessuno. E mi è già capitato quando sono arrivato in Finmeccanica”. E ora “è uguale. Io me lo aspettavo, perché adesso pensano di venire qui dove trovano tutto fatto“. In caso dovesse arrivare la conferma alla guida del Gruppo, Bono ha poi ribadito che “l’azionista propone e l’ultima parola spetta a me”. Il lavoro da fare è tanto, rimarca. “Ieri a Monfalcone ho elencato di proposito tutto quello che c’è ancora da fare. Mi viene da ridere che arrivi gente che non sa di cosa si parla. Se si sbaglia investimento poi si riflette sul prodotto”, ha poi concluso.

Ma anche Parigi ha le beghe, e le Maire ha prontamente tuonato contro tutti quelli che sostengono che Parigi avrebbe voluto bloccare la fusione, appellandosi all’autorità Ue sulla concorrenza. “Ve lo dico francamente, ne avrei fatto volentieri a meno, ma sono le regole”. La Francia “crede” in questo progetto, ha martellato il ministro che ha voluto ribadire la vicinanza con il ministro dell’economia italiano: “con Giovanni Tria abbiamo avuto sempre delle posizioni estremamente vicine. Lavoriamo su un bilancio della zona euro su cui abbiamo la stessa posizione, abbiamo anche progetti industriali, in particolare, nel settore navale con la fusione tra Fincantieri e Stx-France, abbiamo un certo numero di progetti sulle alte tecnologie, penso a StMicro che è una delle più belle imprese europee”, afferma durante il forum economico franco-italiano di Versailles. “Altrettanti temi che devono permetterci di vedere l’avvenire tra Francia e Italia in modo molto positivo”, ha aggiunto.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.